Balzo del Pil, +0,9% su anno Renzi: 'Riforme o spread su'

Stima preliminare. Migliora Pil acquisito 2016 a +0,8%. Bankitalia: a settembre debito scende a 2.212,6mld. Renzi: con le riforme sale Pil, senza sale lo spread

Rimbalzo della crescita economica italiana nel terzo trimestre 2016. Il Pil, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dello 0,9% nei confronti del terzo trimestre del 2015. Lo rende noto l'Istat in base alle stime preliminari. Nel secondo trimestre dell'anno la crescita era stata pari a zero. Migliora il dato sul Pil acquisito per quest'anno. La crescita che si registrerebbe se negli ultimi tre mesi del 2016 la variazione congiunturale del prodotto interno lordo fosse nulla è di +0,8%. La stima precedente, quella basata solo sui dati dei primi due trimestri, era di +0,6%. Le stime del governo sul 2016 indicano una crescita (grezza) dello 0,8%.

La crescita congiunturale del Pil nel terzo trimestre è la sintesi di un aumento del valore aggiunto nei comparti dell'industria e dei servizi e di una diminuzione nell'agricoltura. Lo specifica l'Istat in base alle stime preliminari. Dal lato della domanda, vi è un contributo ampiamente positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte), in parte compensato da un apporto negativo della componente estera netta.

"Con le riforme sale il Pil, senza riforme sale lo spread. Avanti tutta, l'Italia ha diritto al futuro #passodopopasso". E' il commento del premier Matteo Renzi su twitter. E il ministro Padoan da parte sua osserva: i dati sul Pil "confermano che l'economia è sulla strada giusta e le stime di crescita sono affidabili. Ma occorre spingere per accelerare". La crescita dell'economia nel terzo trimestre, ha aggiunto, "è in linea con le stime
del governo". "I dati trimestrali del Pil non sono soddisfacenti, ma per la prima volta in questo trimestre abbiamo fatto meglio di Francia e Germania", ha aggiunto Renzi.

Renzi, Imi a posto Imu? Non sta in cielo né in terra  - "Nella sanità quest'anno abbiamo messo due miliardi di euro in più. Oggi ho letto che stiamo per togliere l'Imu per mettere l'Imi, siamo a compro una vocale di Mike Buongiorno... E' una cosa che non sta né in cielo né in terra. Noi non aumentiamo le tasse, vogliano tagliarle". Lo ha detto il premier Matteo Renzi a un incontro sulla sanità a Catania.

Resta stabile invece la crescita del Pil nel terzo trimestre del 2016, come comunica Eurostat in una stima flash: nell'eurozona è salito dello 0,3% rispetto al precedente e dello 0,4% nell'Ue a 28, dati identici a quelli del secondo trimestre. Rispetto allo stesso periodo del 2015 la crescita è stata invece dell'1,6% nella zona euro e dell'1,8% nei 28, anche qui dati analoghi allo scorso trimestre.

Bankitalia rende noto intanto che il debito pubblico italiano a settembre si è attestato a 2.212,6 miliardi, in diminuzione di 12,1 miliardi rispetto al mese precedente. Le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 32 miliardi, in rialzo rispetto ai 30,2 miliardi dello stesso mese del 2015.

Nei primi nove mesi del 2016 le entrate sono state pari a 302 miliardi, in crescita del 4,6% (13,2 miliardi) rispetto al corrispondente periodo del 2015. Bankitalia sottolinea che tale dinamica è stata in parte sospinta da alcune disomogeneità contabili e temporali (riguardanti principalmente l'IVA, le ritenute Irpef, il canone Rai e l'imposta di bollo virtuale).

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia

Ultima ora


Vai al sito: Who's Who