Fiat, Marchionne: 'Spero che Renzi tenga duro'

'Se avessimo aspettato le riforme ci saremmo impantanati' Lo ha detto l'ad della Fiat durante la cerimonia di inaugurazione di Officina 82 dove vengono trasferiti gli uffici direzionali e amministrativi del Gruppo

TORINO -"Spero che Renzi non si faccia intimorire e tenga duro. La Fiat continua ad andare avanti. Se avessimo aspettato le riforme ci saremmo impantanati". Lo ha detto l'ad della Fiat, Sergio Marchionne parlando con i giornalisti. "Se continua così cercheranno di sfinirlo. Spero che tenga duro - ha proseguito Marchionne -. Il fatto che il Paese abbia bisogno di riforme non lo dico io ma il mondo intero, ce lo stanno dicendo tutti. Completare il programma di riforme è essenziale. Se non lo facciamo ci andiamo a giocare il futuro. Continuo a essere convinto che l'agenda di Renzi sia da completare. Adesso lo cominciano a criticare perché ha promesso una tempistica che non c'è. Le buone intenzioni per portare avanti questa avventura ce l'ha, continuano a creargli centomila problemi di convergenze, di punti di vista". 

"Oggi inizia ufficialmente la seconda vita di Mirafiori". Lo ha detto il presidente di Fiat, John Elkann durante la cerimonia di inaugurazione di Officina 82 dove vengono trasferiti gli uffici direzionali e amministrativi del Gruppo. "Questa scelta conferma l'impegno per Torino di Fiat e Chrysler", ha aggiunto. "Con l'inaugurazione di oggi - ha detto Elkann - inizia ufficialmente la seconda vita di questo luogo: inserito nell'area della 'Meccanica 2' di Mirafiori, l'ex magazzino ricambi è stato completamente trasformato. Oggi ospita oltre 1.500 persone in parte provenienti dal centro di corso Ferrucci".

Marchionne, Vw? Mai stata ipotesi, è effetto mondiali - "Si sono lasciati trascinare dall'entusiasmo della vittoria sul Brasile. Ma vincere la Coppa è una cosa...". Così Sergio Marchionne a proposito dei rumors su una fusione tra Volkswagen e Fiat Chrysler. Alla domanda se sia un sogno per i tedeschi, Marchionne ha risposto "Non ho la minima idea di cosa sognino, non ho questo livello di intimità". Ipotesi chiusa? "Mai stata".

Marchionne, a Mirafiori un centro direzionale gruppo - Fiat Chrysler avrà a Mirafiori una delle sedi direzionali. "Qui, nell'ex 'Meccanica 2' non c'erano più attività da decenni - ha detto l'ad Sergio Marchionne - ora è diventato un quartiere direzionale di vitale importanza. Negli anni abbiamo portato qui il nuovo centro stile, le sedi Abarth e New Holland e oggi tutti i servizi prima svolti in corso Ferrucci. L'obiettivo era e resta quella di mantenere tutte queste attività a Torino pur di fronte alle alternative che esistono per una azienda globale come la Fiat di oggi". "Officina 82 - ha spiegato Marchionne - è la sede direzionale di tutte le attività amministrative, informatiche, di Accounting, di Internal audit e di sicurezza per Fiat Chrysler Automobiles e per Cnh Industrial in Europa. Le due forze rappresentano quindi l'insieme di Fiat e di Chrysler, due aziende con identità diverse ma unite dalle stesse ambizioni e dagli stessi valori. Due forze sono anche quelle dei due gruppi nate dalla scissione della Fiat nel 2011, oggi Fca e Cnh Industrial, che pur potendo contare sulla libertà e indipendenza di cui avevano bisogno per seguire ognuno la propria strada di sviluppo, continuano a beneficiare di alcune sinergie e competenze trasversali".

Fiat: Fassino, la prova che ha radici forti a Torino - "L'auspicio è che Mirafiori torni sempre più ad essere anche un luogo di produzione strategico. In tutti i casi anche questo investimento dimostra che il gruppo Fiat Chrysler ha radici solide in questa città". Lo ha sottolineato il sindaco Piero Fassino alla cerimonia d'inaugurazione dell'Officina 82 dove il gruppo ha spostato alcuni uffici amministrativi e direzionali. "E' l'ulteriore conferma - ha detto Fassino - di come Torino sia strategica per la Fiat. Sono tra quelli che non hanno mai pensato che la Fiat avesse intenzione di andarsene. Un gruppo globale ha bisogno di radici e a Torino ha radici forti, lo dimostra l'investimento a Mirafiori, ma anche questo nuovo insediamento tecnico è un altro segno della presenza forte a Torino".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who