I ragazzi di Radioimmaginaria si raccontano

In 'Noi abbiamo futuro' di Michele Ferrari

MICHELE FERRARI, NOI ABBIAMO FUTURO (MARCOS Y MARCOS, PP 319, EURO 15. Il diario dei ragazzi di Radioimmaginaria, la web radio degli adolescenti, partiti con un Ape Car degli anni Settanta, in versione ecologica, per la Svezia con il pretesto di incontrare Greta Thunberg, è diventato un libro 'Noi abbiamo futuro' di Michele Ferrari, ideatore e fondatore della radio.
    Fotografo, regista e autore con Gianni Morandi della biografia, 'Diario di un ragazzo italiano', Ferrari ha messo una parte di fiction nel libro. "Il plot, gli accadimenti sono romanzati.
    Tante cose sono realmente accadute nel viaggio e altre sono immaginate. Tutti possono riconoscersi in qualcuno dei protagonisti. Sono undici dei 300 ragazzi che fanno parte di Radioimmaginaria" racconta all'Ansa. Tra questi c'è Ludovica, 23 anni, che è venuta con Ferrari e altri ragazzi alla Fiera della piccola e media editoria 'Più libri più liberi' con 'Noi abbiamo futuro', pubblicato da Marcos Y Marcos.
    "Quando compi 18 anni puoi scegliere se restare a Radioimmaginaria mettendo a disposizione la tua esperienza. Io coordino le redazioni e se non avessi fatto l'esperienza di Radioimmaginaria non mi sarei resa conto di quanto la mia generazione sia stata abituata ad essere agevolata in tutto. C'è una grande paura del futuro, del dover fare fatica. Si vuole tutto subito" dice Ludovica. "Il viaggio in Ape Car, allestita come stazione radio, è durato 26 giorni, dal 29 luglio al 23 agosto. Siamo partiti da Castel Guelfo di Bologna verso Stoccolma ma Greta era partita per Losanna, in Svizzera dove però l'anno incontrata alcuni ragazzi di Radioimmaginaria.
    Abbiamo reso ecologico il nostro mezzo di trasporto che avrebbe inquinato troppo con un pannello solare sul tetto e una marmitta catalitica e abbiamo cominciato il nostro viaggio lento attraverso l' Europa. Questo percorso è legato alla promozione di un progetto per creare un fondo di borse di studio per i ragazzi meno abbienti che potranno visitare l'Europa con Radioimmaginaria. Vogliamo fare giornalismo d'inchiesta e andare a vedere le cose" racconta Ludovica.
    'Noi abbiamo un futuro', undici adolescenti e un ApeRadio per salvare il pianeta ci restituisce il ritratto di questa generazione di adolescenti. "In un mondo pieno di fake news riesci a capire, attraverso un viaggio lento, cosa significa farsi un'opinione, toccare con mano le cose. Il libro vorrebbe arrivare a dire: 'mettiti in movimento e avrai delle grandi soddisfazioni. Fai le cose, fuori dalla dinamica del tutto subito" spiega Ferrari che viene dalla generazione delle radio libere. "Mi sono accorto - dice - che questa generazione era in una crisi potenziale che impediva di capire il valore della comunicazione. Non ho trovato tanta curiosità quando ho aperto nel 2012 a Castel Guelfo di Bologna, Radioimmaginaria, dove può entrare chi ha da 11 a 17 anni. Ora ci sono 300 ragazzi in 50 sedi in diverse parti d'Europa, dalla Norvegia a Malta" racconta l'autore del libro. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA