Giampaolo Morelli, Coliandro piace perchè è uno di noi

Via nuova stagione. Attore in sala con Manetti e su set Muccino

   "Coliandro è il contrario di tutti gli eroi polizieschi televisivi. Il successo e il suo appeal sul pubblico probabilmente risiedono nel fatto che chi lo segue si identifica con i suoi problemi, le sue piccole difficoltà nel quotidiano i suoi difetti. Difficile dire se sia un paradosso, ma impossibile non provare simpatia per lui, è uno di noi".
     

  Parola di Giampaolo Morelli che ritorna nei panni del poliziotto più pasticcione, testardo, opportunista, generoso, inconsapevolmente comico e ostinatamente incorruttibile tra tutti gli eroi televisivi. Sei nuove avventure, nate dalla penna noir, ironica e graffiante di Carlo Lucarelli, saranno protagoniste della prima serata di Rai2 da venerdì 13 ottobre, per la regia fuori dagli schemi e ritmata dei Manetti Bross. Ma già a partire dal 6 ottobre alle 16 sarà disponibile in anteprima esclusiva su RaiPlay la prima puntata del nuovo ciclo per l'intera settimana che precede la messa in onda tv. Morelli è l'attore feticcio dei fratelli Marco e Antonio Manetti voluto anche in 'Ammore e malavita' (nelle sale in 280 copie) e già applaudito alla Mostra del Cinema di Venezia (Ciro è un criminale con una malinconia di fondo) e ancora prima nella commedia neomelodica 'Song'e Napule' (2013). "Con i fratelli ci capiamo al volo sul set", dice l'attore partenopeo che è impegnato in queste settimane a Ischia nelle riprese della nuova pellicola di Gabriele Muccino 'A casa tutti bene' (con un cast che comprende tra gli altri Claudia Gerini, Stefano Accorsi, Gianmarco Tognazzi, Carolina Crescentini. Un romanzo familiare, che ruota attorno ai nonni che hanno deciso di festeggiare le nozze d'oro.

  Tornando a Coliandro, come i telespettatori sanno, è in servizio alla questura di Bologna. Ha un carattere poco incline alla indagine investigativa, ma riesce sempre ad assicurare gli assassini alla giustizia. Morelli aggiunge: "nelle storie di cui è protagonista ci si infila un po' per forza e un po' per sbaglio. Per questo si ritrova sempre in vicende più grandi di lui, nelle quali inevitabilmente incontra una donna di cui si innamora e dalla quale viene, altrettanto inevitabilmente, lasciato".

   In ogni puntata, infatti, Coliandro si troverà alle prese con situazioni completamente diverse ma il tutto resta legato da un comune denominatore: per l'ispettore, dopo il tempo della riflessione, è arrivato quello di correre. "In una puntata lo vedremo - annuncia - schizzare da una parte all'altra della città a disinnescare bombe". In un'altra puntata Coliandro si toglierà una soddisfazione: "la dott.ssa Longhi (Veronika Logan) dovrà rifugiarsi a casa sua".
  "Siamo stati i primi e in tempi non sospetti a concederci certe scorrettezze rispetto ad un certo stile ingessato", aggiunge Lucarelli. Gli anni passano e anche le dinamiche interne alla questura si complicano e si sviluppano, portando importanti assestamenti nel gruppo di agenti chiamato a fare i conti con tanti nuovi "cattivi" in arrivo. "L'ispettore Coliandro, il ritorno 2" è una coproduzione Rai Fiction-Vela Film, ideata da Carlo Lucarelli. Insieme a Giampaolo Morelli, nel cast ritroveremo Paolo Sassanelli, Giuseppe Soleri, Veronika Logan, Alessandro Rossi, Caterina Silva, Benedetta Cimatti, Luisella Notari e Max Bruno e, new entry femminili, una diversa per ogni puntata: Simone Ashley, Catrinel Marlon, Arianna Montefiori, Antonia Truppo, Lorena Cacciatore.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA