Da dolce vita a horror, l'amarcord di Barbara Steele

L'attrice lanciata da Mario Bava è l'icona del festival

 E' la regina dell'horror sullo schermo in Italia e negli Usa, ma Barbara Steele ama parlare della dolce vita degli anni trascorsi in Italia dove ha lavorato con registi come Mario Bava, Riccardo Freda, Federico Fellini e Mario Monicelli. E confessa che come regista avrebbe voluto fare Medea "una donna consumata dall'ossessione e dall'amore al punto da uccidere i figli. Ho visto la Medea di Pasolini, un bellissimo film. Io adoravo Pasolini".
L'attrice ricorda con una punta di nostalgia la Roma degli anni '60: "era un'esplosione di creatività e vitalità. E' stata la parte migliore della mia vita e della mia carriera. Per me era l'ombelico del mondo", racconta l'attrice britannica, classe 1937, icona del Tff. La sua immagine, con i capelli che coprono metà del volto, campeggia nella locandina del Festival sui muri di Torino. "Non ricordo il momento preciso in cui è stata scattata. E' una foto strana, una metafora dei personaggi doppi che ho interpretato, metà dark e metà virginali. Mi sono sempre piaciute le parti oscure, il dramma, l'agonia. Del resto ho sposato un uomo che si chiama Poe", spiega Barbara Steele che, nell'incontro con la stampa, parla un po' in italiano e un po' in inglese. Accanto a lei la direttrice del Tff, Emanuela Martini.
"A Roma mi ha chiamato Bava, mi ha assegnato una parte nel film La maschera del demonio, senza neppure conoscermi. Non sapevo che fosse un horror. Aveva visto delle foto che un tizio mi aveva scattato mentre vendevo in un piccolo banco a Portobello e le aveva pubblicate su Life. Per me l'unico legame con Roma era il latino che avevo studiato a scuola, ma sarei andata di corsa, anche se mi avessero chiamato per cucinare o per fare torte", racconta l'attrice che è madrina della retrospettiva Si può fare, dedicata dal Tff all'horror classico, e ha ricevuto il Gran Premio Torino. Barbara Steele parla di Fellini che la chiamò in '8 1/2' ("un grande mago con il cilindro e la frusta dorata. Creava un incantesimo con la sua immaginazione"), dei registi Joe Dante e Roger Corman, "tutti e due educati e gentili. Diversamente da Margheriti, Freda o anche Fellini", di David Cronenberg ("timido e gentile, mi venne a trovare nella mia casa al mare con un mazzo di fiori più grande di lui"). Tra i suoi ricordi c'è anche il serial killer che le ha chiesto dal carcere una foto autografata del film La maschera del demonio: "Non gliel'ho mandata, mi sento un po' in colpa", confessa.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA