Il creatore dei personaggi Marvel fa causa agli ex soci, Stan Lee vuole un miliardo

Accusati di aver approfittato delle sue precarie condizioni per fargli cedere i diritti di utilizzo del suo nome e della sua immagine, anche sui social

Stan Lee, 95 anni, la mente che ha creato alcuni fra i personaggi più importanti dell' universo fumettistico Marvel (Spider-Man, Capitan America, I Fantastici 4, Hulk, Iron Man, Thor, Black Panther) ha intentato una causa da un miliardo di dollari contro 'POW! Entertainment', società di cui è stato co-fondatore nel 2001.

Nel mirino due dirigenti della compagnia, il Ceo Shane Duffy e il co-fondatore Gill Champion, accusati di aver approfittato delle condizioni di Lee, diventato praticamente cieco e provato dalla perdita della moglie, per fargli firmare un contratto in cui l'autore ha ceduto i diritti di utilizzo del suo nome e della sua immagine, anche sui social, in relazione a tutte le opere create per la società.

Secondo gli atti della causa, l'anno scorso POW! Entertainment è stata acquisita dall'azienda di Hong Kong Camsing International. La causa è stata intentata dall'avvocato Adam Grant, che richiede alla società la scissione del contratto e un risarcimento di un miliardo di dollari.

Un video dal profilo Facebook ufficiale di Stan Lee

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA