Claudia Cardinale, bisogna vivere tante vite

Attrice nel cast di Una gita a Roma, opera prima di Karin Proia

"Bisogna vivere tante vite" e detto da Claudia Cardinale, che porta disinvoltamente il suo viso senza ritocchi a 79 anni, vale anche di più. Così l'attrice racconta con un sorriso il suo immediato futuro, ancora pieno di impegni (tre film), alla presentazione di 'Una gita a Roma', opera prima dell'attrice Karin Proia, film-favola su ragazzino spinto dall'arte a fuggire dai genitori per visitare la Cappella Sistina, che sarà in sala dal 4 maggio prodotto e distribuito da C'è.

Nel futuro della Cardinale un film da girare in Grecia con Emma Thompson, di cui non rivela però il titolo, e poi in uscita 'Nobili bugie', in cui veste i panni di una nobile decaduta, moglie di Raffaele Pisu, che passerà al Bif&st, e poi 'Rudy Valentino-Divo dei divi' di Nico Cirasola in cui interpreta una zia dell'attore.

Dice ancora l'attrice, che tra l'altro ha avuto quest'anno l'onore del celebre manifesto 'contestato' del Festival di Cannes: "Del film di Karin Proia mi è piaciuto subito il copione. Adoro poi lavorare con i bimbi, sono stupendi. E il mio personaggio, Marguerite, è poi un po' pazzo come me". In 'Una gita a Roma', autoprodotto dall'attrice che lo definisce a 'love budget', troviamo appunto la Proia, sposata con Giacomo (Raffaele Buranelli, suo marito anche nella vita) che assiste disperata all'inaspettata fuga nella Capitale dei suoi due figli giovanissimi, Francesco (Libero Natoli) e Maria (Tea Buranelli, figlia della regista). Qui i due ragazzini incontrano, proprio come nelle avventure di Pinocchio, tanti personaggi che faranno diventare questa fuga una vera e propria favola a lieto fine. Le musiche sono di Nicola Piovani. Tra gli incontri di Francesco e Maria, anche la coppia di due fratelli, quasi il loro doppio da anziani, composta da Claudia Cardinale e Philippe Leroy.

Quest'ultimo  sottolinea: "Sono stato orgoglioso di partecipare a un lavoro che ci fa seguire il viaggio di due bambini alla ricerca dell'arte. E questo in un mondo di degrado e violenza come quello di oggi e con una grande carenza intellettuale. 'Una gita a Roma' sarebbe da proiettare nelle scuole". Spiega infine Karin Proia: "E' sicuramente un film 'love cost', fatto con grande risparmio e rinunce. Un po' mi racconta anche. Anch'io sono di Latina Scalo come la famiglia di Francesco e anche a me a Roma non mi portavano mai. Sì - ammette - è una favola quella che volevo raccontare, mettere insieme elementi naturalistici e fiaba".

Nel cast del film anche Chiara Conti, Raffaele Buranelli, Silvana Bosi, Giovanni Lombardo Radice, Pietro De Silva, Carlo Luca De Ruggieri, Roberta Fiorentini, Stefano Ambrogi, Helmut Hagen, Mauro Mandolini, Lucia Batassa, Massimiliano Vado, Massimiliano Frateschi, Matteo Micheli, Pino Borselli, Davide Merlini e Phil Palmer.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA