'Viva arte viva' la mostra più vista del 2017

Con la Biennale sul podio Hirst e l'Impressionismo

Con il dato record di 615.152 presenze è 'Viva Arte Viva' la mostra più vista del 2017. L'Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia, giunta alla 57/a edizione, è ancora una volta al top della classifica ANSA delle rassegne di maggior richiamo dell'anno che si sta concludendo. Sul podio, al secondo posto, un'altra mostra svoltasi sulla laguna, 'Treasures from the Wreck of the Unbelievable' di Damien Hirst, mentre in terza posizione figura 'Storie dell'Impressionismo', che ha spopolato a Treviso.

Dunque un anno in prevalenza nel segno dell'arte contemporanea, con eventi di livello internazionale, in grado di catalizzare l'attenzione anche dei numerosi turisti stranieri. Naturalmente, la Biennale d'arte resta il richiamo più forte e questa esposizione curata da Christine Macel, incontrando un grande favore di pubblico, è riuscita a superare di oltre 100.000 unità la precedente del 2015.

Successo indiscutibile quindi per la straordinaria costruzione concettuale di Damien Hirst, che ha portato a Palazzo Grassi e a Punta della Dogana dal 9 aprile al 3 dicembre 360.000 persone, accorse ad ammirare lo sconfinato, monumentale, straripante tesoro di antichità scaturito dalla creatività spiazzante e provocatoria dell'artista inglese. Al terzo posto, ecco 'Storie dell'impressionismo', che, dal 29 ottobre all'1 maggio, ha richiamato al Museo di Santa Caterina di Treviso 330.474 visitatori. Del resto, la mostra che celebrava i 20 anni anni di attività di Marco Goldin, patron di Linea d'ombra, ha riunito nella città veneta circa 140 capolavori, provenienti dalle maggiori collezioni di mezzo mondo.

E' solo al quarto posto che, con 273.205 presenze, troviamo gli antichi maestri, grazie alla bella rassegna dal titolo 'Labirinti del cuore. Giorgione e le stagioni del sentimento tra Venezia e Roma', che dal 24 giugno al 17 settembre ha coinvolto due prestigiose sedi espositive della capitale, Palazzo Venezia e Castel Sant'Angelo. A seguire, di nuovo Venezia e il segno contemporaneo con 'Glass and Bone Sculptures 1977-2017', mostra appositamente studiata da Jan Fabre per gli spazi dell'Abbazia di San Gregorio, che dal 13 maggio fino al 26 novembre ha registrato una presenza di oltre 250.000 persone. Al sesto posto troviamo 'Keith Haring. About Art', allestita a Palazzo Reale di Milano dal 21 febbraio al 18 giugno, ammirata da oltre 180.000 visitatori. Al settimo posto figura quindi 'Artemisia Gentileschi e il suo tempo' dal 30 novembre fino all'8 maggio al Museo di Roma a Palazzo Braschi, che ha toccato quota 127.163. Si resta nella città eterna per 'Love. L'Arte contemporanea incontra l'Amore', al Chiostro del Bramante dal 29 settembre al 5 marzo, che conquista l'ottava posizione con 150.000 visitatori, soprattutto giovani.

Se il nono posto va alla rassegna fiorentina 'Il Museo Effimero della Moda', allestita dal 13 giugno al 22 ottobre al Museo della Moda e del Costume di Palazzo Pitti con oltre 112 mila visitatori, la top ten mostre dell'ANSA si chiude con un ex-aequo: 'Guercino a Piacenza' dal 4 marzo al 4 giugno e 'Bill Viola - Rinascimento elettronico', a Palazzo Strozzi dal 10 marzo al 23 luglio, ambedue assestatesi a 100.000 presenze.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA