Le ossa in Nunziatura, Parolin: 'Nessun nesso con la Orlandi'

Si tratta di circa 70 frammenti, di due persone diverse. Legali Orlandi: 'Per noi non cambia nulla. Aspettiamo esito del Dna'.

Le ossa sepolte sotto il pavimento di una dependance della Nunziatura apostolica a Roma appartengono a due persone diverse. La conferma di quanto già emerso nei giorni scorsi, secondo quanto si apprende da fonti qualificate, è arrivata al termine degli esami medico-legali svolti sui resti nei laboratori della Polizia Scientifica e conclusi oggi. Analizzando i frammenti, una settantina circa tra cui parti di un bacino e di una vertebra, gli esperti avrebbero accertato infatti che alcuni presentano un 'invecchiamento' maggiore di altri. Inoltre sarebbero state ritrovate più ossa dello stesso tipo, cioè appartenenti alla stessa 'regione' del corpo. L'esame esterno non ha invece consentito di stabilire il sesso dei corpi cui appartengono quei resti. Conclusi gli esami medico-legali, inizieranno domani quelli per estrarre il Dna, attraverso una procedura che prevede il taglio e la successiva polverizzazione delle ossa. Una volta ottenuto il codice genetico si provvederà alla comparazione. Infine, in procura sarebbe stato sentito, a quanto si apprende, l'ultimo custode che ha abitato la dependance. 

"Da parte della Santa Sede non è stato fatto alcun collegamento con Emanuela Orlandi". Lo ha detto il card. Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, a proposito della vicenda del ritrovamento delle ossa nella sede della Nunziatura. "Non so chi ha messo in relazione questa vicenda con il caso Orlandi", ha dichiarato il cardinale - riferisce il Sir, l'agenzia dei vescovi - rispondendo ad una domanda, a margine di un convegno. "Da parte della Santa Sede - ha assicurato - non è stato fatto alcun collegamento con il caso di Emanuela Orlandi". - Interpellato sul motivo per cui la Segreteria di Stato, in occasione del ritrovamento delle ossa, abbia immediatamente avvertito la Procura di Roma, Parolin - riferisce sempre il Sir - ha spiegato: "Per ragioni semplicemente di trasparenza, perché non ci siano recriminazioni sul fatto che la Santa Sede abbia tenuto nascosto qualcosa. Le cose si fanno con la maggior apertura e la maggior trasparenza. Sono stati trovati dei resti, si è voluto sapere esattamente cosa si stesse facendo, di chi fossero, e quindi è stato chiesto aiuto all'Italia". Quanto alla presenza di eventuali dossier sul caso Orlandi, il porporato ha risposto che "si è sempre fatto di tutto per accertare la verità". In merito, inoltre, a presunte "trattative", Parolin ha risposto: "Non posso dire molto, sono arrivato che il caso era già stato archiviato. Da parte nostra, c'è la disponibilità ad aiutare a risolvere questo caso". "Mi da tanto dolore per la famiglia, soprattutto per la mamma", ha aggiunto il segretario di Stato vaticano. "Capisco cosa significhi non sapere cosa è successo alla figlia, se sia viva o morta, e se è morta dove è stata sepolta". Quanto alle evoluzioni future dei ritrovamenti in Via Po, Parolin ha dichiarato: "Aspettiamo gli accertamenti, prima di fare qualsiasi dichiarazione. Bisogna sapere di cosa si tratta: se sono ossa di 200 anni fa è una cosa, se sono ossa di qualche anno fa è un'altra". 

Uno scheletro privo degli arti inferiori e, soprattutto, di una parte del bacino fondamentale per poter dire oggi che quei resti siano di un uomo o di una donna. Una dentatura che sembrerebbe essere appartenuta ad una persona non adolescente. E un altro mucchietto di ossa che da un primo esame esterno risulterebbero essere più vecchie rispetto a quelle dello scheletro e, dunque, appartenenti ad un altra persona. Dopo un ulteriore sopralluogo della Polizia, il terzo dalla notizia ufficiale del ritrovamento, sembrano essere questi gli unici punti fermi nel mistero dei resti umani sepolti nel pavimento della dependance della Nunziatura apostolica di Roma. Ma c'è un altro aspetto, che al momento non sposta l'esito delle analisi scientifiche e che però aggiunge un elemento ulteriore al giallo: le ossa, dicono due diverse e qualificate fonti, non sono state ritrovare nella giornata di lunedì 29 ottobre nel sottoscala dell'abitazione del custode della Nunziatura, quando in serata fu avvertita la polizia italiana, ma 72 ore prima, vale a dire nella giornata di venerdì 26 ottobre. Cosa sia successo in quei tre giorni solo il Vaticano può dirlo.

Quello che, ufficiosamente, circola è che il coinvolgimento della Polizia sia stato ritardato solo per consentire ad alcuni esponenti delle autorità vaticane di rientrare a Roma. Intanto, questa mattina i tecnici della Polizia Scientifica e della Squadra mobile sono tornati in via Po con un obiettivo preciso: trovare gli arti inferiori dello scheletro, che nel frattempo è stato ricomposto. Tra le ossa a disposizione c'è infatti solo un piccolo pezzo di femore e un bacino sprovvisto di sinfisi pubica: un elemento, quest'ultimo, che rende ancora impossibile attribuire i resti ad un uomo o ad una donna. Il tentativo sembrerebbe però non essere andato a buon fine, almeno per il momento: i poliziotti avrebbero trovato solo alcuni frammenti ossei, in particolare di una mandibola, ma nulla che abbia a che fare con gli arti inferiori. "In questo momento non posso confermare l'età o il sesso prima di avere i risultati dei test di laboratorio - ha spiegato il perito del Vaticano, Giovanni Arcudi - ma la prima impressione, basata sull'esame di alcune strutture ossee è che si tratti di ossa di una donna intorno ai trent'anni, non una adolescente".

Emanuela Orlandi, 35 anni di buio - LO SPECIALE

"Per la famiglia non cambia nulla - dice l'avvocato degli Orlandi Laura Sgrò - Non sappiamo se Emanuela e' morta e se è morta non sappiamo quando. Quindi aspettiamo l'esito del dna". "Siamo ancora in attesa dell'esito di queste prime analisi che ci diranno il sesso, sul quale ancora non c'è alcuna certezza - conferma Pietro Orlandi - Al momento sappiamo solo che le indagini stanno andando avanti e il ritrovamento di altri frammenti lo testimonia, ma non sappiamo ancora nulla sull'esito degli esami". Secondo il fratello di Emanuela, quelle ossa sono comunque state portate lì successivamente alla morte: "lo dimostra il fatto - dice - che lo scheletro non sia completo e sopratutto che non sono stati trovati vestiti o monili".

"A non risulta alcuna trattativa, se loro hanno contattato qualcuno ci dicano chi è perché se parla a nome della Segreteria di Stato è un millantatore. Noi non abbiamo mai incaricato o dato responsabilità ad alcuno di trattare a nome del Vaticano. Io interrogai il card. Bertone e mi disse di no. Per cui non esiste proprio". Lo ha detto il card. Angelo Becciu, fino a qualche mese fa sostituto alla segreteria di Stato in merito al vicenda di Emanuela Orlandi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA