• Adesivi antisemiti, calcio in campo, si legge Anna Frank. Il caso delle parole di Lotito

Adesivi antisemiti, calcio in campo, si legge Anna Frank. Il caso delle parole di Lotito

La Lazio scende in campo a Bologna: gli Irriducibili rinunciano alla trasferta

Claudio Lotito smentisce di aver parlato di 'sceneggiata' per la visita alla Sinagoga dopo gli insulti antisemiti sull'immagine di Anna Frank. Ma il Messaggero conferma e pubblica audio e video: 'Famo 'sta sceneggiata', dice il presidente della Lazio in una telefonata dall'aeroporto di Milano. La frase di Lotito sarebbe alla base del gesto di buttare nel Tevere i fiori lasciati ieri dalla Lazio alla Sinagoga. 

L'intervista di Lotito a Matrix

 

E sono 16, al momento, le persone identificate dalla polizia in relazione alla vicenda degli adesivi con l'immagine di Anna Frank con la maglia della Roma lasciati domenica sera da alcuni tifosi della Lazio nella Curva Sud dell'Olimpico. Il lavoro sulle telecamere interne allo stadio svolto da Digos, Scientifica e del commissariato Prati, ha portato all'individuazione anche di tre minori, di cui uno di soli 13 anni che non è imputabile. E' attesa per oggi a piazzale Clodio una nuova informativa che sarà all'attenzione del procuratore aggiunto Francesco Caporale titolare dell'indagine in cui si ipotizza il reato di istigazione all'odio razziale.

"Abbiamo già predisposto la risposta al ministro israeliano. Siamo anche noi scioccati, ha fatto bene il presidente Mattarella a richiamare l'attenzione, hanno fatto bene Lega e Comunità ebraica a dare vita all'iniziativa negli stadi", ha detto il ministro per lo Sport, Luca Lotti. Ieri il ministro israeliano Miri Regev in una lettera al ministro Lotti, suo omologo, aveva scritto di essere rimasta "scioccata" dal caso. 

ALLO STADIO IL 'DIARIO DI ANNA FRANK' CONTRO L'ANTISEMITISMO

Intanto sono stati ritrovati nel Tevere i fiori lasciati ieri della Lazio alla Sinagoga durante la visita del presidente Claudio Lotito come segno di scuse per gli adesivi antisemiti affissi all'Olimpico in cui compariva Anna Frank vestita con la maglia della Roma. Secondo quanto si è appreso, la corona è stata avvistata in tarda mattinata. Non è escluso che sia stata gettata la scorsa notte.

Questa sera la Lazio scende in campo a Bologna: niente trasferta per gli Irriducibili. Lo rende noto lo stesso gruppo ultrà, dicendosi "costretto a rinunciare per non essere complici del 'teatro mediatico' delle ultime ore. Il nostro usuale modo di tifare oggi potrebbe esser mal interpretato da chi vuole danneggiare ulteriormente la Lazio e i suoi tifosi. In un momento cosi particolare invitiamo tutti i tifosi a cercare di non prestare il fianco a strumentalizzazioni, ricordando che per noi il bene della Lazio è assoluto e primario.

Mattarella, disumani e allarmanti - Un ''atto disumano, allarmante'': il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, interviene sulla vicenda degli adesivi antisemiti degli ultrà laziali domenica scorsa all'Olimpico, l'immagine di Anna Frank vestita della maglietta giallrossa. Dal mondo della politica alla Conferenza episcopale, dal Centro Wiesenthal al rabbino capo di Roma, lo sdegno è stato unanime. Per Mattarella utilizzare l'immagine di Anna Frank "come segno di insulto e di minaccia, oltre che disumano, è allarmante per il nostro Paese, contagiato, 80 anni addietro, dall'ottusa crudeltà dell'antisemitismo". Il Capo dello Stato ha parlato con il Ministro dell'Interno di quanto accaduto allo stadio Olimpico e Minniti - si legge in una nota del Quirinale - gli ha assicurato grande impegno ''per individuare i responsabili di un comportamento così ignobile affinché vengano perseguiti secondo la legge e vengano definitivamente esclusi dagli stadi''. Per il presidente del consiglio Paolo Gentiloni quello che è accaduto all'Olimpico è ''qualcosa di incredibile, inaccettabile, da non minimizzare e da non sottovalutare". Anche il segretario del Pd Matteo Renzi ha commentato la vicenda: "Se io fossi il presidente di una squadra di calcio, domani scenderei in campo con la Stella di David al posto dello sponsor. E spiegherei ai ragazzi delle curve perché quando pronuncio il nome di Anna Frank mi vengono i brividi. Restiamo umani, amici". Per il ministro degli Esteri, Angelino Alfano ''Anna Frank non rappresenta un popolo o un gruppo etnico, Anna Frank siamo tutti noi al cospetto dell'inaccettabile. La sua figura non può essere usata per offendere qualcuno". Duro l'intervento del rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni che ha definito le immagini di Anna Frank degli ultrà laziali "scioccanti". "La Comunità non è una lavatrice - ha aggiunto - né un luogo dove si presenta un omaggio floreale e si risolve tutto. Servono iniziative concrete, anche repressive''. Parole durissime di condanna e di solidarietà alla Comunità ebraica di Roma sono state espresse da mons. Ambrogio Spreafico, vescovo di Frosinone e presidente della Commissione Cei per l'ecumenismo e il dialogo. "Stiamo sottovalutando l'antisemitismo risorgente in diversi modi. L'unica parola è vergogna''. Per il direttore del Centro Wiesenthal di Gerusalemme, Efraim Zuroff "non ci sono parole per condannare un gesto così vergognoso. Si banalizza la Shoah, si trasforma un'immane tragedia in una semplice bega fra tifoserie".

"Se fossi il presidente di una squadra di calcio domani farei mettere sulle maglie la Stella di David al posto dello sponsor #annafrank", aveva scritto su Twitter il segretario del Pd Matteo Renzi.

"Questa non è una curva, questo non è calcio, questo non è sport. Fuori gli antisemiti dagli stadi". Lo scrive su Twitter la presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello, postando una foto in cui si vedono degli adesivi tra cui uno con il ritratto di Anna Frank che indossa la maglia della Roma e un altro con la scritta "Romanista ebreo".

E il calcio scende in campo contro l'antisemitismo con la lettura di un brano del 'Diario di Anna Frank'.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA