Serie A, SPAL Napoli 2-3

Sesto successo per i partenopei

Spal-Napoli 2-3: Schiattarella 13', Insigne 14', Callejon 72', Viviani 78', Ghoulam 83'. Partenopei a 18 punti.

Sesta vittoria e 18 punti per il Napoli che passa 3-2 a Ferrara in casa della Spal al termine si un match vibrante. Padroni di casa avanti al 13' con un rasoterra dal limite dell'area di Schiattarella che beffa Reina. Immediata la risposta del Napoli che pareggia dopo un minuto con Insigne che, servito da Callejon, lascia partire un sinistro che batte Gomis. Partenopei in vantaggio al 72' con un colpo di testa di Callejon dopo un cross dalla sinistra di Ghoulam. Poi Gomis dice di no a Milik - entrato nella ripresa al posto di Zielinski - e Mertens prima del 2-2 realizzato al 78' su punizione da Viviani. La squadra di Sarri non ci sta e torna in vantaggio all'83' con Ghoulam. Il Napoli finisce in 10 per un infortunio a Milik (erano già state effettuate tutte e tre le sostituzioni).

Sarri "Non ci sentiamo l'antagonista della Juventus"  - "La Spal ha fatto un'ottima partita e abbiamo giocato su un terreno indegno per questa categoria. E per una squadra come la nostra essere costretti a fare sempre un tocco in più il problema si accentua". E' l'unico neo che Maurizio Sarri vede nella vittoria del suo Napoli a Ferrara. Parlando a Premium, il tecnico azzurro riconosce innanzitutto "la grande partita degli avversari. Abbiamo dovuto fare un secondo tempo di buon livello per vincere. Se la Spal è giocherà così per tutto l'anno, questo sarà un campo difficile". Nessuna novità sulle condizioni di Milik: "Non lo so, domani farà un controllo e avremo le idee più chiare. Non è comunque il ginocchio che si è infortunato l'anno scorso", chiarisce Sarri che non si sente l'antagonista principale della Juventus: "Non ci sentiamo l'anti Juve, siamo una squadra che sta facendo tanti punti e siamo migliorati rispetto agli scorsi anni: siamo più capaci di sopportare gli eventi negativi delle gare. Abbiamo fatto un buon inizio, questo ci dà fiducia ed entusiasmo per continuare a lavorare".


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA