• Serie A, Napoli-Sassuolo 3-1 , rete di Falcinelli su rigore, pareggio di Callejon, poi doppio Higuain. Torino-Frosinone 4-2

Serie A, Napoli-Sassuolo 3-1 , rete di Falcinelli su rigore, pareggio di Callejon, poi doppio Higuain. Torino-Frosinone 4-2

Granata tornano alla vittoria con Immobile, 4-2 al Frosinone

La capolista rimane in testa alla classifica. Il Napoli batte il Sassuolo ed ottiene una serie di importanti risultati, alcuni concreti, altri di natura psicologica. Gli azzurri aumentano a quattro lunghezze il vantaggio sull'Inter, bloccata sul pareggio dall' Atalanta ed hanno la certezza di conservare la prima posizione, in attesa di come andranno a finire domani ad Udine la partita della Juventus e a Milano con i rossoneri quella della Fiorentina. La squadra di Sarri vendica con il successo di questa sera anche la sconfitta subita all'andata, nell'esordio stagionale e supera brillantemente un handicap psicologico che il suo allenatore aveva acutamente evidenziato alla vigilia: nella precedente circostanza in cui la squadra si trovò a guidare la classifica, incappò nel turno successivo in una sonora batosta a Bologna, lasciando mestamente la vetta della graduatoria.

Risultati della 20/a giornata di serie A.

Atalanta-Inter 1-1

Torino-Frosinone 4-2

Napoli-Sassuolo 3-1

LA CLASSIFICA DI SERIE A DOPO LA 20/A GIORNATA 

 

Classifica marcatori del campionato di calcio di Serie A dopo i tre anticipi della 20/a giornata.

- 20 reti: Higuain (1 rigore-Napoli).

- 11 reti: Eder (3-Sampdoria).

- 10 reti: Kalinic (Fiorentina).

- 9 reti: Ilicic (5-Fiorentina); Dybala (1-Juventus).

- 8 reti: Pavoletti (Genoa); Icardi (Inter); Bacca (Milan); Insigne (Napoli); Maccarone (Empoli).

- 7 reti: Paloschi (Chievo); Pjanic (1-Roma).

- 6 reti: Dionisi (Frosinone); Mandzukic (Juventus); Gervinho (Roma); Soriano (Sampdoria); Thereau (Udinese).

- 5 reti: Gomez (Atalanta); Destro (1-Bologna); Saponara (Empoli); Felipe Anderson (Lazio); Gilardino (Palermo); Salah (Roma); e Quagliarella (1-Torino).

- 4 reti: Borriello (Carpi); Meggiorini (Chievo); Babacar (1-Fiorentina); D. Ciofani e Sammarco (Frosinone); Jovetic (1-Inter); Pogba (1-Juventus); Bonaventura (Milan); Hamsik (1-Napoli); Muriel (Sampdoria); Florenzi (Roma); Floccari (Sassuolo); Baselli (Torino); D. Zapata (Udinese).

- 3 reti: Denis (1) e Pinilla (Atalanta); Giaccherini e Mounier (Bologna); Birsa, Inglese (Chievo); Pucciarelli (Empoli); Gakpe (Genoa); Zaza (Juventus); Biglia (1), Candreva e Matri (Lazio); Luiz Adriano (Milan); Allan (Napoli); Hiljemark e Vazquez (Palermo); Dzeko (2-Roma); Berardi (2), Floro Flores e Sansone e Falcinelli (Sassuolo); Belotti e Maxi Lopez (1-Torino); Badu (Udinese); Toni (2-Verona).

- 2 reti: Brienza, Masina e Rossettini (Bologna); Matos (Carpi); Castro e Pepe (Chievo); Buchel (Empoli); Alonso, Blaszczykowski, Borja Valero e G. Rodriguez (Fiorentina); Blanchard (Frosinone);Dzemaili e Laxalt (Genoa); Broizovic, Ljaijc e Perisic (Inter); Cuadrado e Khedira (Juventus); Djordjevic, Keita e Kishna (Lazio); Niang (1-Milan); Gabbiadini (Napoli); Goldaniga, G.Gonzalez (Palermo); Iago Falque e Sadiq (Roma); Zukanovic (Sampdoria); Acerbi, Defrel, (Sassuolo); Benassi e Bovo (Torino); Perica (Udinese); E. Pisano e Toni (2-Verona).

- 1 rete: Cherubin, Cigarini (1), D'Alessandro, De Roon, Maxi Moralez, Stendardo, Toloi (Atalanta); Donsah, Gastaldello, Mancosu (Bologna); Lollo, Pasciuti, Di Gaudio, Lazzari, Letizia, Marrone (Carpi); Dainelli, Hetemaj, Pellisier (Chievo); Krunic, Livaja, Paredes, Tonelli, Zielinski (Empoli); Badelj, Rebic, M. Suarez, Verdu, Roncaglia (Fiorentina); Ajeti, Diakite', Frara, Paganini, Soddimo (Frosinone); Figueiras, Perotti (1), Rincon, Tachtsidis (Genoa); Biabiany, Felipe Melo, Guarin, Kondogbia, Medel, Murillo (Inter); Bonucci, Lemina, Morata, Sturaro (Juventus); Milinkovic Savic, Lulic, Parolo (Lazio); Abate, Alex, Antonelli, Balotelli, Bertolacci, Mexes, Zapata, Kucka (Milan); Albiol, Callejon, Mertens (Napoli); Djurdjevic, El Kaoutari, L. Rigoni, Trajkovski (Palermo); De Rossi, Digne, Iturbe, Maicon, Manolas, Totti, Rudiger (Roma); Cassano, Fernando e Ivan (Sampdoria); Falcinelli, Magnanelli, Missiroli, Pellegrini, Politano (Sassuolo); Acquah, Immobile, Moretti, Vives, Zappacosta (Torino); Di Natale e Lodi (Udinese); Helander, Gomez, Ionita, Jankovic, Moras, Pazzini (1), Viviani (Verona). - 1 autorete: Toloi (Atalanta); Gamberini e Frey (Chievo); Ajeti (Frosinone); La Manna e Tachtsidis (Genoa); Murillo (Inter); Basta e Gentiletti (Lazio); Ely (Milan); G. Gonzalez e Vitiello (Palermo); Manolas (Roma); Moisander (Sampdoria); Padelli e Avelar (Torino); Marquez (Verona).

 

Sarri "Juve è la favorita, mercato un disturbo" - "Abbiamo fatto bene, abbiamo preso gol dopo 2 minuti contro una squadra che in questo campionato quando ero andata in vantaggio aveva sempre vinto. Non era facile, il Sassuolo è una squadra forte e organizzata, siamo stati bravi, potevamo anche fare il terzo gol per chiudere la gara". Maurizio Sarri è felice per la vittoria del suo Napoli contro il sassuolo ma resta con i piedi per terra: "Il nostro orizzonte temporale è la gara di Coppa Italia di martedì, dobbiamo pensare settimana dopo settimana senza farci distrarre da niente e nessuno - le sue parole a 'Premium' - In Italia c'è una squadra che ha vinto 4 campionati di fila, tre supercoppe e ha fatto una finale di Champions. La favorita c'è già, lo dicono i numeri". Sul mercato Sarri ripete il solito leit-motiv: "Io ho 8 difensori e 6 centrocampisti e sono concentrato su questi. Il mercato è una turbativa, è antisportivo giocare durante il mercato, almeno per me. Capisco che per i media è importante ma per me che lavoro sul campo è solo un disturbo".

De Laurentiis, vittoria importante, allungato su Inter - "Una vittoria importante che ci permette di allungare sull'Inter e arrivata contro una squadra che sulla carta era inferiore ma ha dato tutto". Lo ha detto il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis al termine della partita vinta contro il Sassuolo. "Certe partite - ha aggiunto - possono diventare molto complicate come quella di stasera dopo un errore di un giocatore che ci può stare". Sulla lotta scudetto De Laurentiis ha detto che: "Il primo avversario è la Juventus. L'Inter deve ancora crescere come società, la Juve è più consolidata e ha fatto grandi investimenti"

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA