Legge di Stabilità: tweet Mef, testo bollinato, ora a Quirinale

Katainen apre a Renzi: "le consultazioni non pregiudicano l'esito"

Testo bollinato. 80 euro al mese solo a famiglie fino a 30mila euro di reddito Isee. Lungo incontro Renzi-Napolitano. Slitta incontro con governo-Regioni. Premier: 'Lettera Ue non è bocciatura, impegno riforme mantenuto'. Sblocca Italia, domani fiducia. Poletti: 'Pensione il 10 solo a chi ne ha più d'una'.

Bollinata la legge di Stabilità dalla Ragioneria dello Stato. Ora il testo va al Quirinale. Lo comunica il Mef in un tweet nel quale spiega: ''Completato il corredo tecnico dalla Ragioneria Generale dello Stato il Ddl Stabilità viene ora trasmesso al #Quirinale''.

Intanto occhi puntati sulla lettera della Ue all'Italia sulla Legge di Stabilità, attesa. "Le consultazioni in corso in queste ore sulla legge di stabilità non pregiudicano il giudizio finale della Commissione", ovvero non significa che sarà "necessariamente negativo", ha detto il portavoce del commissario agli affari economici Jyrki Katainen.

Ci sono "consultazioni tecniche in corso con alcuni Stati, se servissero nuove informazioni possono essere chieste", e la richiesta potrebbe prendere varie forme, "telefonate, email, lettere":  ha aggiunto il portavoce di Katainen, precisando come le regole indichino solo che gli Stati debbano essere consultati entro una settimana in caso la Commissione abbia dubbi sulla non-osservanza delle regole.

Renzi, lettera Ue è naturale - La lettera Ue "è naturale", non basta questa per parlare di "bocciatura". Così il premier Matteo Renzi alla Camera parlando di "emblematico genere letterario" che sta "suscitando entusiasmo e passione di parte di noi e dei media": ma "è naturale, per le nuove procedure, che quando mandi la legge Stabilità si inizi a discutere, a verificare i punti".

Intanto è iniziata la seduta straordinaria della Conferenza delle Regioni dedicata a discutere la Legge di stabilità in vista del previsto incontro con il Governo fissato per domani alle 8 a Palazzo Chigi. Oltre al presidente Sergio Chiamparino, sono presenti Marcello Pittelli (Basilicata), Stefano Caldoro (Campania e vicepresidente della Conferenza), Claudio Burlando (Veneto), Nichi Vendola (Puglia), Francesco Pigliaru (Sardegna), Enrico Rossi (Toscana), Catiuscia Marini (Umbria) e Luca Zaia (Veneto).

L'incontro di domani tra governo e Anci sulla legge di stabilità è stato rinviato al 30 ottobre. Lo rende noto la stessa Associazione dei Comuni. L'incontro tra governo e Anci che si terrà giovedì 30 ottobre servirà per fare il punto sui tagli apportati dalla legge di stabilità, che anche ieri il presidente dell' Associazione dei Comuni, Piero Fassino, è tornato a criticare. Al termine di un Ufficio di presidenza dedicato alla manovra del governo, il leader dei Sindaci ha infatti evidenziato la contrarietà dell'Anci - pur giudicando positivamente l'impostazione generale della manovra - sulla riduzione di spese da 1,2 miliardi, a cui si sommano 300 milioni decisi con provvedimenti precedenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who