Aiuto durante guerra,borse studio figlio

Per i giovani frazione Norcia da familiari soldato inglese

(di Gianluigi Basilietti) (ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 3 NOV - I giovani di Ancarano, una delle frazioni di Norcia colpite dal terremoto, potranno studiare inglese a Londra e a Oxford grazie a delle borse di studio in qualche modo frutto della generosità dei loro anziani. A metterle a disposizione è infatti il figlio di un soldato inglese in fuga da un campo di prigionia durante la seconda guerra mondiale che trovò riparo e protezione proprio nel borgo umbro. "Mio padre, il maggiore Leslie Young, non dimenticò mai la generosità della gente di Ancarano ed è per questo che vogliamo dire grazie e mettere a disposizione le nostre borse di studio per ragazze e ragazzi tra 18 e 25 anni", ha raccontato all'ANSA, Nick Young, 65 anni di Bredfield, 160 chilometri da Londra, ex direttore della Croce rossa britannica e oggi a capo dell'associazione "Monte San Martino Trust", fondata da ex prigionieri di guerra con l'intento di aiutare proprio le popolazioni italiane che ospitarono i militari britannici in fuga dopo la firma dell'armistizio del 1943. Assieme alla moglie, partendo dal campo prigionia 49 di Fontanellato, in provincia di Parma, sta ripercorrendo le tappe della fuga del padre e alcuni giorni fa è arrivato ad Ancarano, 74 anni dopo il padre. Sulla porta della chiesa di Sant'Antonio ha affisso un volantino spiegando il senso dell'iniziativa e i suoi riferimenti. Il viaggio della coppia inglese terminerà ad Anzio, "dove mio padre raggiunse l'armata britannica nel febbraio del 1944, per terminare poi la guerra in Normandia", ha rivelato ancora Young. "Durante il suo viaggio verso sud - ha aggiunto - attraversò l'Appennino e giunse ad Ancarano il primo novembre e qui ricevette ospitalità e protezione. Qualcuno gli offrì cibo e riparo, una cosa che non dimenticò mai". Da qualche giorno la coppia è tornata in Inghilterra. "Ma il prossimo mese torneremo per visitare proprio l'ultima tappa, Anzio, mentre ad Ancarano torneremo il prossimo anno" ha annunciato Young. Nel frattempo resta comunque in contatto con Adelindo Capparelli, socio della pro loco e animatore della realizzazione del centro polivalente "Casa Ancarano" e spera che alcuni giovani si facciano avanti per cogliere l'opportunità di imparare o migliorare il proprio inglese. "La nostra associazione - ha spiegato ancora Young - è nata nel 1989 e siamo lieti di dare un contributo a chi rischiò la vita per dare aiuto ai nostri prigionieri in fuga. Senza il loro aiuto non ce l'avrebbero fatta. Chi è interessato alle borse di studio può contattarci attraverso il nostro sito internet". Ma il 65enne britannico ha anche un altro desiderio: "che al più presto la ricostruzione di Ancarano sia completata e la vita di questa gente torni alla normalità, perché vedere la distruzione provocata dal sisma ci ha colpito molto e ci ha fatto davvero male". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA