A Tolentino agriturismo delocalizzato

Titolare Colle Regnano, sisma è un mostro che si può battere

(ANSA) - TOLENTINO (MACERATA), 28 SET - A tre anni dal terremoto, riapre il 29 settembre l'Agriturismo Colle Regnano di Tolentino, un'attività nota per avere ottenuto riconoscimenti a livello nazione per l'uso della bioedilizia. L'Agriturismo riapre delocalizzato nei pressi della struttura originale danneggiata dal sisma. La titolare Patrizia Francioni è riuscita a realizzare quattro nuovi alloggi, a cura dell'arch. Cesare Salvatori, utilizzando tecniche all'avanguardia e materiali ecosostenibili, come acciaio, fibra di legno e legno, che garantiscono un'ottima coibentazione. I nuovi lodge, realizzati dalla Cemeco, sono completamente diversi l'uno dall'altro e arredati con personalità: "Albero della Vita", "Rosso Peperoncino", "Casa della Fortuna" e "Ambarabaciccicocò" i nomi scelti. Ai quattro alloggi va aggiunto il locale riservato alla direzione. Tutte le nuove sistemazioni hanno all'esterno dei dipinti a tema, realizzati dall'artista Emilia Pieroni. "Il sisma è un mostro che si può battere" dice la titolare. "In questi tre anni - racconta Patrizia Francioni - ho vissuto una forte altalena di emozioni, ma la rabbia, la frustrazione, lo sgomento di aver perso tutto sono state vinte dalla speranza di poter ricostruire Colle Regnano, anche se delocalizzando e con un impegno personale. Ora riapriamo, siamo pronti ad accogliere nuovamente i turisti con quel sentimento di ospitalità che ci ha sempre contraddistinto. Il sisma è un mostro terribile, ma con caparbietà si può vincere e si può nuovamente tornare ad avere una vita, anche professionale, che guarda al futuro, piena di speranza".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA