Sisma,12,5 mln euro per spostare imprese

Assessore Sciapichetti, 166 aziende delocalizzate in 38 comuni

(ANSA) - MUCCIA (MACERATA), 8 AGO - Sono 166 le attività produttive delocalizzate in 784 moduli prefabbricati, per un investimento dedicato di 12,5 milioni di euro che ha riguardato ben 38 comuni del 'cratere'. Sono alcuni dati relativi al progetto regionale di delocalizzazione temporanea delle attività produttive post sisma al centro di un incontro con la stampa a Muccia dell'assessore regionale alla Protezione civile Angelo Sciapichetti al centro commerciale di Muccia che accoglie le attività economiche locali riavviate dopo la crisi sismica secondo l'ordinanza 408/2016. Era presente il sindaco del Comune di Muccia Mario Baroni. "Proseguiamo con l'operazione verità - ha detto Sciapichetti - dando conto del lavoro svolto per riavviare attività economiche dei comuni colpiti. Un lavoro capillare portato avanti da una squadra di tecnici regionali appositamente costituita all'indomani delle scosse di terremoto su impulso del presidente Ceriscioli. Un esempio di collaborazione istituzionale pubblico - privata". All'incontro era presenti l'assessore alle politiche sociali e giovanili di Muccia Raffaella Troiani e il dirigente regionale del settore commercio, Pietro Talarico. La 'squadra', ha aggiunto Sciapichetti, "internalizzando le attività progettuali ha portato a un taglio di costi e tempi. Abbiamo risposto alle richieste dei Comuni e, apprestate le aree e riavviate le prime attività, altre istanze si sono aggiunte". Segnali che "l'iniziativa è stata apprezzata e considerata utile" e "della volontà di rimanere e rilanciare attività locali, essenziali per i residenti, il turismo e il futuro delle comunità. Grazie al progetto regionale, forte di oltre dieci milioni di euro resi disponibili dalla '408' e di fondi aggiuntivi, abbiamo rimesso in piedi il nucleo di esercizi commerciali e attività artigianali tipici, scongiurando lo spopolamento e creando le basi per la rinascita di centri ancor più belli e sicuri". Circa 8,1 milioni di euro sono stati assegnati ai Comuni della provincia di Macerata, 1,14 euro all'Ascolano e 280mila a Fermo. Cinque milioni di euro sono stati liquidati. In dirittura d'arrivo anche i progetti speciali per i Comuni di Visso, Camerino e Sarnano. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA