Terremoto:contributo a chi è in roulotte

Lo precisa Protezione civile dopo parere Avvocatura dello Stato

(ANSA) - ROMA, 9 MAG - Chi vive in roulottes o container nei pressi della sua casa dichiarata inagibile a seguito del sisma che ha colpito il Centro Italia continuerà a ricevere il Contributo di autonoma sistemazione (Cas). Lo fa sapere la Protezione civile. A seguito delle numerose richieste giunte dagli enti territoriali riguardanti la sospensione dell'erogazione del Cas ai cittadini che hanno posizionato roulottes, container e case mobili con ruote nei pressi degli immobili dichiarati inagibili, il Dipartimento ha posto la vicenda all'attenzione dell'Avvocatura Generale dello Stato. L'Avvocatura, considerato il quadro normativo di riferimento, spiega la Protezione civile, non ha ritenuto sussistere disposizioni per le quali "tale beneficio economico (Cas) debba cessare laddove i soggetti beneficiari del medesimo conseguano una sistemazione temporanea, ed evidentemente emergenziale (roulottes, container e case amovibili), utilizzando il contributo ad essi riconosciuto". Peraltro, si legge nel parere trasmesso dall'Avvocatura, sospendendo il contributo si finirebbe per ottenere un risultato avulso dalle finalità della legislazione emergenziale, in quanto verrebbero private del contributo persone bisognose proprio per il fatto che esso è stato utilizzato secondo le dovute finalità, ovvero per avere nelle more della ricostruzione, una sistemazione minimale. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA