Sisma, nelle Marche Simposio pasticceri

'M'è dolce' per rilancio territorio, ispirato a Leopardi

(ANSA) - ANCONA, 10 OTT - 'M'è dolce', un titolo ispirato da 'L'Infinito' del poeta recanatese Giacomo Leopardi, per la 23ma edizione del Simposio pubblico dell'Accademia maestri pasticceri italiani che si svolgerà dal 15 al 17 ottobre per la prima volta nelle Marche tra Recanati, Osimo, Fano, Pesaro, Senigallia e Loreto. Saltato nel 2016 a causa del sisma, il simposio vuole aiutare a risollevare il territorio valorizzandolo con creazioni pasticcere ispirate a eccellenze marchigiane: Leopardi, Raffaello e Rossini. In conclusione dell'evento, che ha il patrocinio della Regione Marche e dei comuni interessati, i 69 migliori pasticceri italiani - l'Italia è campione del mondo in carica di pasticceria - si sfideranno a Villa Anton di Recanati il 17 ottobre per aggiudicarsi il premio di miglior pasticcere e miglior creazione 2017. Accanto ai dolci monoporzione che gli 'accademici' realizzeranno in gara, e che il pubblico potrà degustare, ci saranno vere e proprie opere d'arte, sculture dolci ispirate a Leopardi, Rossini o Raffaello. "Il terremoto ci ha buttato un po' a terra, attività commerciali comprese - ha ricordato Armando Lombardi, di Osimo, vice presidente e co-fondatore Ampi nel 1993 con Iginio Massari -, volevamo fortemente portare l'evento nelle Marche dopo 24 anni". Per Recanati, ha detto il sindaco Francesco Fiordomo, "è un onore ospitare pasticceri da tutta Italia". Dietro la pasticceria, "ci sono attività di famiglia, c'è grande lavoro ma anche inventiva: cultura è Leopardi, Rossini, Raffaello ma anche cultura della manualità. E' ciò caratterizza la regione, l'artigianato che porta anche risultati economici importanti". Con l'Ampi, ha affermato Moreno Pieroni, assessore regionale a Turismo e Cultura, "abbiamo condiviso duplice obiettivo: un messaggio di accoglienza per il settore gastronomico dove le Marche sono un'eccellenza e mettere a rete un progetto che ci darà lustro. Un anno fa eravamo concentrati sull'emergenza sisma, ora c'è un messaggio di uscita da quel momento drammatico". 'M'è dolce' inaugura in un certo modo una serie di grandi eventi: nel 2018 si celebrerà l'anniversario della scomparsa di Rossini, nel 2019 i 200 anni de 'L'infinito', nel 2020 i 500 anni dalla morte di Raffaello.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA