Da 51 Comuni chieste 3.620 casette

Consegnate ad oggi quasi 300 Sae. Realizzazione spetta a Regioni

(ANSA) - ROMA, 16 GIU - Sono 51 i Comuni colpiti dai terremoti che dall'agosto scorso hanno interessato il centro Italia che hanno richiesto le casette temporanee. Lo rende noto il Dipartimento della Protezione Civile sottolineando che al momento sono complessivamente 3.620 le Sae (le Soluzioni abitative d'emergenza) ordinate. Ad oggi sono stati completati i lavori in 18 aree - 3 a Norcia, 3 ad Accumoli, 11 ad Amatrice e una ad Arquata - e sono state consegnate ai sindaci 296 casette. Altre 131 aree ritenute idonee sono state consegnate ai consorzi incaricati della progettazione delle opere di urbanizzazione per la successiva installazione delle casette e in 44 di queste sono in corso i lavori. In particolare, l'Abruzzo ha ordinato 222 Sae per 13 Comuni, il Lazio ne ha richieste 731 per 6 Comuni e l'Umbria 782, per 3 Comuni. Le Marche invece hanno fatto richiesta di 1.885 casette da installare in 29 comuni. Per quanto riguarda i comuni più colpiti, infine, sono già state conclusi i lavori in 11 aree ad Amatrice, 3 ad Accumuli, una ad Arquata del Tronto e le aree di Norcia che ospitano le 101 casette già assegnate ai cittadini. La realizzazione delle casette spetta alle quattro Regioni, in quanto soggetti attuatori, che si avvalgono dell'accordo quadro sottoscritto dal Dipartimento della Protezione Civile nel maggio del 2016. Dopo l'individuazione delle aree, le regioni provvedono dunque all'esecuzione delle attività preliminari e alle opere di urbanizzazione. Tutta la fase di avanzamento dei lavori è consultabile sul sito della Protezione Civile.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA