Notai, arriva guida su tutela disabilità

Categoria 'centrale', serve atto pubblico per esenzioni fiscali

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 17 MAG - Gli strumenti per proteggere le disabilità gravi e le fragilità sociali spiegati (in maniera semplice) al cittadino, a circa un anno dall'approvazione della cosiddetta legge 'Dopo di noi', che ha introdotto "importanti agevolazioni ed esenzioni fiscali", utili, fra l'altro, per la "costituzione di fondi speciali, composti da beni sottoposti a vincolo di destinazione e disciplinati con contratto di affidamento fiduciario, anche a favore di onlus che operano prevalentemente nel settore della beneficenza". A renderli noti il Consiglio nazionale del Notariato che, con 13 associazioni dei consumatori (Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori), ha realizzato la sua quattordicesima Guida al cittadino, presentata stamani, a Roma. La legge 'Dopo di noi', viene sottolineato, prevede quale "requisito essenziale per godere di esenzioni e facilitazioni fiscali l'atto pubblico", perciò "il notaio riveste un ruolo centrale di grande rilevanza, in sintonia con la funzione di pubblico ufficiale 'super partes' che lo Stato gli ha assegnato". Secondo l'Istat, "la platea dei potenziali beneficiari della disciplina è di circa 127.000 disabili con meno di 65 anni privi di sostegno familiare, di cui circa 38.000 mancanti di entrambi i genitori e 89.000 con genitori anziani". Il vademecum è scaricabile gratuitamente dal sito www.notariato.it. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in