Cup, no buste paga in antiriciclaggio

Delegazione al Mef, 'accolte richieste su recepimento direttiva'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 15 FEB - Sì al "reinserimento nel decreto di recepimento della direttiva comunitaria Antiriciclaggio" del 2015 della "esenzione dagli adempimenti in materia di dichiarazioni fiscali e di amministrazione del personale". E' quanto fa sapere il Comitato unitario delle professioni (Cup), dopo che oggi una sua delegazione, guidata dalla presidente Marina Calderone e dal coordinatore dell'area economico-contabile e presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti Massimo Miani, con rappresentanti del Consiglio nazionale forense e del Consiglio nazionale del Notariato, ha incontrato nella sede del Ministero dell'Economia e delle Finanze il viceministro Luigi Casero e i tecnici del Mef e del Ministero della Giustizia per discutere del recepimento della direttiva comunitaria Antiriciclaggio. Nei giorni scorsi, infatti, i professionisti avevano lanciato l'allarme sull'applicazione della disciplina alle buste paga. "Senza l'esenzione", i nuovi adempimenti "recherebbero un grave danno all'operare quotidiano di circa 400.000 professionisti, con un aggravio di oneri sproporzionato e superfluo rispetto a quelli che sono i principi posti e le finalità perseguite dalla normativa Antiriciclaggio. Con piacere abbiamo preso nota - chiude Calderone - del recepimento delle nostre richieste".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in

        TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: