Sciopero, commercialisti scaldano motori

Sindacati presenteranno lunedì agitazione, stop F24 30/9 e 1/10

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Commercialisti pronti ad incrociare le braccia, a causa dei disagi sorti con gli Indici sintetici di affidabilità fiscale (gli Isa, subentrati agli studi di settore, ndr), nonché per "il perdurare della costante situazione di caos, con la semplificazione degli adempimenti da tempo promessa da tutte le forze politiche ma mai concretamente attuata e per il mancato rispetto dello Statuto dei diritti del contribuente".
    I sindacati che hanno proclamto l'agitazione (che consisterà nel mancato invio dei nostri modelli F24 tra il 30 settembre e il primo ottobre, protesta che, sottolineano, "verterà solo sul non pagamento delle nostre imposte e non anche quelle dei nostri clienti", così come "dal 29 settembre al 7 ottobre non parteciperemo ad alcuna udienza nelle varie Commissioni Tributarie") sono Adc, Aidc, Anc, Andoc, Fiddoc, Sic, Unagraco, Ungdcec ed Unico che, forti del "sostegno" del Consiglio nazionale dei commercialisti", terranno una conferenza stampa alla Camera dei deputati, lunedì 23 settembre alle ore 11:30, per illustrare l'astensione collettiva dalle attività svolte dai professionisti dalla fine del mese. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in