CdC:'Storie di Alternanza',premi a liceo e istituto tecnico

Vincono video sui musei da vivere e sul futuro alimentare

(ANSA) - BARI, 3 DIC - "Vivi il museo, viva il museo!" del Liceo scientifico e linguistico "Orazio Tedone" di Ruvo di Puglia (Bari) e "Alimento il futuro" dell'ITET De Viti De Marco di Triggiano (Bari), rispettivamente nella categoria licei e istituti tecnici e professionali, sono i titoli dei due progetti audiovisivi primi classificati al concorso "Storie di alternanza" - sessione II semestre 2019, indetto dalla Camera di Commercio di Bari nell'ambito di un progetto di Unioncamere.
    Stamani l'ente barese ha ospitato la premiazione dei finalisti al bando finalizzato a valorizzare i racconti dei progetti di Alternanza Scuola-Lavoro ideati, elaborati e realizzati dagli studenti delle province di Bari e BT.
    Il Premio rientra nel progetto Orientamento al Lavoro ed alle Professioni, avviato dalla Camera di Commercio di Bari nel 2017.
    "Giunto alla III edizione, il Premio mira - sottolinea una nota - non soltanto a valorizzare e a dare visibilità alla qualità e all'efficacia dei percorsi di alternanza scuola-lavoro come esperienze davvero significative per l'arricchimento delle competenze degli studenti, ma anche a consolidare una sempre più proficua collaborazione tra scuole, imprese ed enti coinvolti. "Vivi il museo, viva il museo!" del Liceo scientifico e linguistico "Orazio Tedone" di Ruvo di Puglia ha illustrato la seconda vita possibile dei vasi e reperti archeologici del museo Jatta di Ruvo, reinterpretati attraverso la stampa Tre D. Il museo quindi come una realtà dinamica e viva, più che mai vicina ai giovani e al mondo dell'innovazione digitale. "Alimento il futuro" dell'Itet De Viti De Marco di Triggiano ha documentato l'esperienza di "immersione" degli studenti nelle aziende ortofrutticole del sud est barese, in tutti i momenti della fase produttiva e dei controlli di qualità. I vincitori si sono aggiudicati un premio di 1000 euro; 800 euro i secondi classificati; settecento i terzi classificati. Nel corso dell'incontro, moderato dalla giornalista Annamaria Minunno, sono state presentate due best practice aziendali: La prima è Apulia makers 3d srls - Bari - Un laboratorio nato dal desiderio di un gruppo di giovani studenti del Politecnico di Bari, pronti a far crescere la cultura della produzione digitale sfruttando le necessità di sviluppo innovativo e tecnologico del territorio pugliese. La seconda è Energy by o.s.c.a.r. - Bari - Una start-up pugliese nata nel 2014 dall'idea di quattro giovani baresi che hanno deciso di puntare sull'innovazione, partendo dalla loro terra di origine.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni