Decelera manifattura lombarda ma dato resta positivo

Unioncamere, migliorano aspettative su domanda estera

(ANSA) - MILANO, 15 MAG - Decelera la manifattura lombarda, ma il dato congiunturale sul primo trimestre 2019 resta positivo per l'industria con +0,4% con +0,9% tendenziale. È il quadro emerso in Unioncamere Lombardia, in un incontro con Alessandro Mattinzoli, assessore allo Sviluppo Economico Regione Lombardia, Gian Domenico Auricchio, presidente di Unioncamere Lombardia, Marco Bonometti, presidente di Confindustria Lombardia, Stefano Fugazza, per gli artigiani, presidente di CLAAI Lombardia.
    Più negativo il dato per l'artigianato manifatturiero, -0,5% con -0,3% tendenziale. I segnali negativi provengono da ordini e fatturato mentre migliorano le aspettative sulla domanda estera.
    Resta negativa ma in miglioramento la domanda interna. L'indice della produzione industriale, sale a quota 112,3 rispetto a 100 del 2010, ma per le aziende artigiane resta a quota 97,7. Bene tra i settori minerali, chimica, meccanica, alimentari. Per l'assessore Mattinzoli "questi segnali negativi stanno intaccando anche la domanda estera che è stata il volano della crescita per la Lombardia in questi ultimi tempi e ciò è dovuto anche alle vicende cicliche che riguardano la Germania". Per Auricchio, invece, "occorre mantenere alta l'attenzione sulle possibili strategie comuni di intervento per sostenere la competitività delle nostre imprese".
    Per quanto riguarda Milano il dato è più positivo, in crescita a livello tendenziale per produzione (+1,8%), fatturato totale (+2,6%), sia estero (+4,7%) che interno (+1,1%) e ordini totali (+2,4%), sia esteri (+2,2%) che interni (+2,5%). (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni