Alimentare: Assocamerestero,problema anche 'dazi invisibili'

(ANSA) - BOLOGNA, 13 MAR - "Trump, per il momento, ha annunciato dazi che riguardano sostanzialmente le materie prime a difesa dell'industria manifatturiera americana. Nel caso dei prodotti agroalimentari non abbiamo un altro problema: le 'barriere invisibili' negli Stati Uniti, cioè le licenze e i contingentamenti che già sono presenti". Gaetano Fausto Esposito, segretario generale di Assocamerestero, a margine di un evento dedicato alle imprese agroalimentari a Bologna, ha commentato così le misure disposte dal governo statunitense. "Sicuramente i dazi sono un problema - ha aggiunto - però c'è anche un serio problema per quanto riguarda tutte le barriere non tariffarie che colpiscono, in maniera forte, il nostro agroalimentare. Le 'barriere invisibili' - ha spiegato Esposito - sono tutte le normative fitosanitarie che vengono poste dalla 'Food and Drug Administration' per quanto riguarda la salubrità dei prodotti, ma che a volte vengono usate per discriminare le produzioni di alcuni Paesi. Molto interessante - ha concluso Esposito - è stato l'accordo che l'Unione europea ha fatto con il Canada, il 'Ceta', in cui Europa e Italia hanno spuntato, sui prodotti a maggiore qualità, delle condizioni interessanti.
    Quella sarebbe la strada da seguire, una strada che, in verità, sembra che l'attuale amministrazione americana non sia intenzionata a proseguire". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Vai al sito: ANSA Professioni