Pennsylvania, abusi preti su migliaia bimbi

Rapporto grand jury dopo indagini. Pentimento e vergogna Chiesa

    Centinaia di preti cattolici in Pennsylvania avrebbero molestato migliaia di bambini dagli anni '40 ad oggi, mentre alti prelati, incluso l'attuale arcivescovo di Washington Donald William Wuerl, avrebbero sistematicamente coperto gli abusi: lo afferma il rapporto del grand jury diffuso al termine di 18 mesi di indagini guidate dall'attorney general statale Josh Shapiro su sei delle otto diocesi dello Stato e segue quella di un altro grand jury che ha rivelato abusi e insabbiamenti nelle altre due. Il "reale numero" dei bambini abusati potrebbe ammontare a diverse migliaia - sostiene il grand jury - perché alcuni documenti segreti della Chiesa sono andati perduti e le vittime hanno avuto paura a farsi avanti. "I preti hanno violentato ragazzini e ragazzine e i loro superiori non solo non fecero niente, ma hanno nascosto tutto", ha aggiunto Shapiro parlando ai giornalisti ad Harrisburg e precisando che l'indagine sta andando avanti. I sacerdoti coinvolti sarebbero oltre 300.

    "Profondo rimorso", "grande tristezza", "l'abuso è spregevole e non trova posto nella Chiesa", "shock", "vergogna": i vescovi cattolici dello Stato della Pennsylvania negli Stati Uniti hanno risposto con parole chiare al rapporto sugli abusi sessuali presentato ieri dal pubblico ministero. Lo riferisce il sito della Santa Sede Vatican News. "È doloroso per chiunque lo legga, in particolare per i sopravvissuti agli abusi sessuali e per le loro famiglie", si legge in una dichiarazione della diocesi di Filadelfia. "siamo profondamente dispiaciuti per il loro dolore e rimaniamo sulla via della guarigione". Il vescovo di Pittsburgh ha scritto nella sua dichiarazione che su nessun punto si vuole "sminuire il dolore che è sorto". Tutte e otto le diocesi della Pennsylvania hanno risposto alla relazione preparata da una grande giuria, ufficialmente incaricata secondo il diritto processuale statunitense in una procedura non pubblica e con l'aiuto della polizia ad indagare su possibili comportamenti criminali.

    L'inchiesta è stata aperta dal procuratore generale dello Stato. Sono state indagate sei delle otto diocesi della Pennsylvania, mentre le altre due sono già state oggetto di precedenti indagini. Ci sono voluti due anni alla Giuria per completare il rapporto di 900 pagine. Si tratta di abusi avvenuti nello Stato della Pennsylvania e compiuti da esponenti della Chiesa cattolica. Il dossier riguarda gli ultimi 70 anni e questo ha consentito di svolgere un'indagine sistematica, anche se non ci sono stati nuovi casi da scoprire. Sono state trovate 1.000 vittime. Ma si stima che il numero complessivo sia più alto. Il rapporto è il più completo mai prodotto da una istituzione governativa negli Stati Uniti su casi di abusi. Oltre ai nomi citati nel dossier, emerge soprattutto l'accusa che la Chiesa abbia avuto una propria "sceneggiatura" per la copertura dei casi.

    È necessario combattere questo crimine "per garantire - afferma la diocesi di Scranton - che nessun bambino sia vittima di abusi e che nessun colpevole sia protetto". Tale diocesi pubblica sul suo sito web anche i nomi di 70 colpevoli, sacerdoti e laici, comprese le persone che non sono menzionate nel rapporto della Grande Giuria. La diocesi di Erie cita 34 persone e i luoghi in cui vivono e vengono anche indicati i nomi di 31 defunti. Tra i 65 nomi ci sono una donna e un vescovo Secondo il sito della diocesi, il presule in particolare non ha investigato su accuse di abusi nella sua area di competenza.

    Il vescovo di Erie, mons. Lawrence Persico, ha scritto direttamente alle vittime degli abusi. Tutte le diocesi, come il rapporto stesso, sottolineano che negli ultimi anni e decenni sono stati fatti grandi progressi in termini di trasparenza. Questa è la strada da seguire, secondo il tenore dei pareri. "Continueremo a fare ammenda per i peccati del nostro passato e offriremo preghiere e sostegno a tutte le vittime di queste azioni", sottolinea il vescovo di Harrisburg, mons. Ronald W. Gainer. "Ci impegniamo a proseguire e a intensificare i cambiamenti positivi per garantire che tali atrocità non si ripetano mai più... Voglio che i bambini, i genitori, i parrocchiani, gli studenti, il personale, il clero e il pubblico sappiano che le nostre Chiese e scuole sono sicure; non c'è niente che prendiamo più sul serio della protezione di coloro che entrano attraverso le nostre porte".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: