SERIE A: 2-1 alla Fiorentina, Lazio vince in rimonta

Un rigore di Immobile e la rete di Luis Alberto ribaltono il gol di Ribery. Biancocelesti a -4 dalla Juventus

Lazio batte Fiorentina 2-1 (0-1) in uno degli anticipi della 28/a giornata della Serie A. Un rigore di Immobile e la rete di Luis Alberto ribaltono il gol di Ribery. Biancocelesti a -4 dalla Juventus

 Il coronavirus sembrava avere sbiadito le suggestioni cromatiche del sogno-scudetto della Lazio che, in questo campionato ovattato fatto di sfide in cattedrali vuote, fra rimbombi di pallone e urla disumane, ha dovuto ancora una volta spremersi per trovare la vittoria. E c'è riuscita come meglio le riusciva anche prima del lungo stop: in Zona Cesarini. La squadra di Simone Inzaghi voleva cancellare il ko di Bergamo e c'è riuscita solo a pochi minuti dalla fine, dopo avere rischiato il secondo tracollo di seguito.

La Lazio era fra le più smaniose di tornare in campo per 'chiudere' i conti con la Juve. Invece, atleticamente ed emotivamente, si è un po' appannata. Le è rimasta una volontà ferrea e grinta da vendere, per il gioco ci sarà tempo (anche se non molto). Stasera la Lazio ha rischiato una mini-crisi, riuscendo a ribaltare la situazione dopo il gol del vantaggio dei viola griffato Ribery: Immobile su rigore e il 'mago' Luis Alberto l'hanno rilanciata, permettendole di non perdere troppo terreno della Juve

. Fuori un tempo Radu per scelta, Correa parte in panchina, Leiva e Cataldi sono ko. Nella Fiorentina non sembrano pesare le squalifiche di Caceres e, soprattutto, del gioiellino Chiesa, mentre in panchina Carillo sostituisce l'altro squalificato Iachini: i due erano compagni ai tempi dell'Ascoli. I viola si fanno minacciosi con Dalbert al 17', ma la Lazio si salva in angolo e passa in vantaggio al 25' con un'azione da manuale del calcio firmata Ribery, che non segnava dal 29 settembre dell'anno scorso (in casa del Milan): il francese, con la naturalezza tipica dei fuoriclasse, entra in area dalla sinistra, salta Patric, elude l'intervento di Parolo e, prima che intervenga Acerbi, fulmina Strakosha. Chapeau.

La risposta della Lazio è affidata a Parolo che, di testa su angolo dalla destra, impegna Dragowski. Alla prima azione della ripresa i viola rischiano di raddoppiare con Castrovilli: Strakosha si salva. Al 4' è la traversa a negare il 2-0. E la Lazio? Come nella ripresa di Bergamo: lenta e con poche idee, dunque prevedibile. Il pari potrebbe arrivare al 20' ma, sulla conclusione di Jony, Dragowski compie un miracolo. Un minuto dopo lo stesso portiere dei viola provoca un rigore su Caicedo che Immobile trasforma per l'1-1. Poi sbaglia il 2-1, imitato da Ghezzal dalla parte opposta. Nel finale la forza della disperazione produce il 2-1 di Luis Alberto, che infila Dragowski con un bel rasoterra

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie