Post-it

Giffoni: Salvatores, mio supereroe tra mamme e terrore

A gennaio Il ragazzo invisibile 2, poi forse road movie in Usa

Post-it

(di Francesca Pierleoni)
GIFFONI VALLE PIANA - Un supereroe teen, ''che ora è un po' cresciuto, ha passato la 'linea d'ombra' e se la deve vedere con un grosso senso di colpa, la scoperta di una sorellina, che non sapeva di avere, 'infiammabile', il confronto con due madri, una adottiva e una naturale, e paure come il terrorismo". Saranno fra le sfide, spiega Gabriele Salvatores oggi al Giffoni Film Festival, per il protagonista Michele (Ludovico Girardello) in Il ragazzo invisibile - Seconda generazione, 2/o capitolo della saga fantasy in sala a gennaio con 01 Distribution, accompagnato anche da una nuova versione fumetto per Panini e un secondo libro per Salani.

Nel cast anche Galatea Bellugi (nel ruolo di Natasha, la sorella gemella di Michele), Ksenia Rappoport, Ivan Franek, Noa Zatta e Valeria Golino. ''Mentre nel primo capitolo Michele scopriva il suo superpotere, qui deve imparare a utilizzarlo - dice Salvatores guardando Girardello, che oggi con lui incontra i giovani in sala -. Ci sarà stavolta un forte scontro tra gli 'speciali' e i 'normali. Il protagonista dovrà scegliere fra bene e male''. Sarà ''un sequel più dark. Michele scopre alcuni dei lati più oscuri della vita, che ne fanno parte come quelli belli e sono ugualmente importanti''. Dopo il primo film del 2014, attraverso un concorso per le scuole primarie e secondarie, vinto da una scuola di Secondigliano, "abbiamo chiesto ai ragazzi di scrivere il loro sequel ideale. Sono venute fuori paure come quella di non essere realmente figlio della propria madre e del terrorismo. Le abbiamo inserite entrambe'' racconta Salvatores. Il primo film ''l'ho vissuto più come un gioco. Nel secondo sono stato più serio - dice il 17 enne Girardello -. Rispetto ai supereroi Marvel, questo è un supereroe che sembra molto più legato alla realtà. L'invisibilità è la metafora dei sentimenti del protagonista''.

D'accordo il cineasta: ''per quanto succeda di tutto e sia molto spettacolare, anche grazie a 700 interventi degli effetti speciali, questo film è più onirico e introspettivo, seguiamo più le emozioni''. C'è un legame tra Il ragazzo invisibile e lo chiamavano Jeeg Robot? ''Il film di Mainetti che mi è molto piaciuto, è più un cinecomic puro. Il ragazzo invisibile gioca più col genere per raccontare anche altre cose; siamo parenti, ma diversi''.

Questi film ''vanno a riempire uno spazio vuoto, quello del cinema per famiglie, in Italia poco praticato. Dobbiamo avvicinare i ragazzi a questa cosa meravigliosa che è il cinema, e alla sala, che penso non morirà mai, perché è il luogo più indicato per 'rievocare fantasmi' come diceva Darrida''. ''Il ragazzo invisibile sarà una trilogia? ''Perché no, se Ludovico rimarrà interessante... - scherza Salvatores -. A quasi 70 anni sto scoprendo un nuovo viaggio come autore, cerco più un racconto libero, scompagino un po' le carte''.

Il regista premio Oscar sta già lavorando anche a nuove storie: ''Non so ancora quale realizzerò per prima, forse un road movie negli Usa, sul rapporto fra padri e figli''. Gli sarebbe anche piaciuto continuare il film collettivo Italy in a day: "poteva diventare appuntamento quasi annuale. Un altro tema ad esempio poteva essere il Capodanno, tra aspettative, paure e vuoto. Ma la Rai a volte fa cose meravigliose, altre si perde un po' in una difficoltà decisionale''. Le interessano anche le serie tv? "Certo, consentono così tante possibilità di sviluppo. Prima o poi mi piacerebbe dirigerne una".

Agli aspiranti nuovi autori tra i ragazzi ci terrebbe soprattutto a comunicare l'importanza '''di non mentire. Le cose vanno guardate con sincerità. Devi avere un tuo sguardo e prendertene la responsabilità. Va bene anche ridere, ma non per evitare di affrontare le proprie paure''.

Archiviato in