ANSAcom

70 anni Statuto: Ganau, ragioni specialita' ancora attuali

"Bilancio complessivamente positivo, pur con limiti e errori"

ANSAcom

CAGLIARI - "Se pensiamo al punto da cui siamo partiti il bilancio dei 70 anni di autonomia della Sardegna e' complessivamente positivo, pur con limiti ed errori. Tuttavia le ragioni della nostra specialita' sono ancora attuali ed oggi sono legate al riconoscimento dell'insularita' da parte dello Stato e dell'Unione europea; noi, comunque dobbiamo fare la nostra parte lavorando per la piena applicazione dello Statuto e in particolare dell'art.13". Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau al convegno per i 70 anni dell'Autonomia speciale della Sardegna organizzato dall'Universita' di Cagliari.

Dopo l'intervento della coordinatrice del convegno Maria Rosa Cardia, che ha ricordato le radici delle autonomie speciali, fondate sulla storia e precedenti alla Costituzione, ha preso la parola il costituzionalista Gianmario Demuro, ex assessore degli Affari generali.

Demuro ha associato il concetto di autonomia, fortemente radicato nella societa' sarda, a quello di "democrazia plurale", molti simile alla dottrina francese della cosiddetta "democrazia di prossimita'". I problemi della Spagna, ha ricordato, "nascono proprio dal rifiuto di accettare questa pluralita'". Franco Jacop, presidente del Consiglio del Friuli-Venezia Giulia e coordinatore della conferenza dei presidenti delle Assemblee regionali, ha citato il percorso "tormentato" della sua Regione, determinato dalle vicende belliche e post-belliche e da forti pulsioni separatiste. La nostra autonomia, ha dichiarato, non e' stata un privilegio ma una "risposta di governo" a di situazioni storiche di enorme complessita'.

Il prof. Roberto Louvin, valdostano, si e' detto convinto che la storia di tutte le autonomie speciali sia stata una storia di lotta, le cui ragioni profonde sono state comprese dai Costituenti con una scelta di grande lungimiranza. Louvin ha poi auspicato una revisione degli Statuti regionali delle Regioni autonome, che dovra' vedere protagoniste le nuove generazioni. Per l'Universita' di Sassari il prof. Pietro Luigi Pinna ha individuato le motivazioni piu' forti dell'autonomia della Sardegna nel "risarcimento" dovuto all'Isola fin dai tempi dello Stato piemontese. Un risarcimento prevalentemente economico, ha sostenuto, che poi c'e' stato dopo la seconda guerra mondiale ma solo parzialmente, con lo Statuto ed i Piani di Rinascita. Portando la testimonianza dell'autonomia siciliana, il prof. Marcello Saija dell'universita' di Palermo, ha osservato che il bilancio autonomistico della sua Regione, "che usa il 90% delle sue risorse per riprodurre se stessa", e' in gran parte "una occasione sprecata"e tuttavia questa esperienza negativa non puo' travolgere la stessa idea di autonomia, che deve essere rilanciata.

In collaborazione con:
Consiglio Regionale Sardegna

Archiviato in