Responsabilità editoriale di Brown Editore

Spagna e Brasile le mete preferite dai ricchi italiani per comprare casa nei paesi caldi

Spagna e Brasile sono le mete preferite dai Paperoni italiani che cercano il loro posto al sole, vale a dire una ...

Brown Editore

Spagna e Brasile sono le mete preferite dai Paperoni italiani che cercano il loro posto al sole, vale a dire una proprietà di prestigio da acquistare in paesi più caldi e in cui svernare. Lo ha rilevato lo studio di LuxuryEstate.com, partner di Immobiliare.it, secondo per comprare un immobile di lusso in questi due stati i ricchi italiani spendono in media rispettivamente a 3,5 e 2,5 milioni di euro. Non sono queste però le cifre più alte per garantirsi una casa al caldo durante l'inverno: sono infatti gli Emirati Arabi il paese dove si è disposti a spendere di più per comprare una casa di lusso, con budget medi di 4,5 milioni di euro. Scorrendo la top 10 dei paesi più gettonati dagli italiani che acquistano proprietà di lusso nelle località calde, dopo Spagna e Brasile, seguono la Repubblica Dominicana e il Portogallo. Qui però i budget si riducono, pur rimanendo sempre al di fuori della portata dei più, e sono pari rispettivamente a 1,8 e 2,5 milioni di euro. La Florida di Miami conquista il quinto posto: qui il budget medio dei ricchi acquirenti immobiliari è pari a 1,8 milioni di euro. La vicina, ma più tiepida, Malta è al sesto gradino della classifica con budget medi di 3,5 milioni di euro. È pari a 3,5 milioni la cifra media che invece i Paperoni mettono in conto per comprare casa alle Barbados, la sesta meta esotica più ambita in assoluto. La sua vicinanza geografica, insieme a un mercato che è ancora molto più economico di altri, ha portato nella top 10 anche la Grecia. Gli italiani che puntano alle isolette con un clima più temperato rispetto agli inverni italiani sono disposti a spendere in media 900.000 euro, la cifra più contenuta della classifica. Il Sud Africa chiude la classifica e attira Paperoni italiani disposti a spendere, in media, 1,9 milioni di euro.

Video Economia



Vai al sito: Who's Who