Calcio
  1. ANSA.it
  2. Sport
  3. Calcio
  4. L'addio di Zanetti al calcio. Sarà vicepresidente dell'Inter

L'addio di Zanetti al calcio. Sarà vicepresidente dell'Inter

Inter-Lazio 4-1 nel segno dell'addio al capitano al calcio giocato, che entra al 52' col Meazza in delirio

"Io avevo pensato a un ruolo da presidente. So che c'è la vicepresidenza che immagino sia qualcosa di prestigioso per lui. Sono felice sia stato pensato questo. Starà a lui far bene in questo ruolo, ma sarà certamente così, perché ha la testa giusta". Così Massimo Moratti arrivando al ristorante Botinero per i festeggiamenti di Javier Zanetti.

Dopo aver attraversato il campo su un tappeto blu e aver salutato tutti i dipendenti e i compagni di squadra dell'Inter, Zanetti si è rivolto al pubblico di San Siro con un lungo discorso. "Grazie a tutti. Non sapete - ha iniziato il capitano nerazzurro - come è difficile parlare in questo momento. Dirvi che siete meravigliosi, fantastici è poco. Voglio ringraziare tutti i miei compagni e quelli che in questi anni sono stati al mio fianco in qualsiasi momento. Ho cercato sempre di onorare e difendere questa maglia in qualsiasi paese del mondo. Ho imparato insieme a voi, per il vostro amore e il vostro affetto ad amarla e l'amerò per sempre".

L'Inter batte la Lazio per 4-1 nel secondo anticipo della 37/a di serie A. Vantaggio biancoceleste con Biava all'inizio e subito pareggio di Palacio. Poi altri due gol dell'Inter nel primo tempo con Icardi e ancora Palacio. Nella ripresa il quarto gol con l'ex Hernanes che non esulta. Al 52' ovazione del Meazza per l'ingresso in campo di Zanetti che gioca l'857/a e ultima partita in nerazzurro.

Iniziano i festeggiamenti a San Siro per l'addio di Javier Zanetti e lui si commuove. Tutti i nerazzurri sono scesi in campo per il riscaldamento con la casacca numero 4. A centrocampo è stata esposta una grande maglia dedicata a Zanetti con scritto 'Grazie'. Il Meazza è praticamente esaurito tranne per il secondo e terzo anello verde, chiusi dal giudice sportivo in seguito ai cori di discriminazione territoriale contro i napoletani.

Erick Thohir valuterà insieme a Massimo Moratti la possibilità di ritirare la maglia numero 4 di Javier Zanetti. A dirlo è lo stesso presidente nerazzurro a Sky al suo arrivo allo stadio Meazza per l'ultima gara in casa del capitano argentino. "Abbiamo creato - ha detto - un evento molto speciale per Zanetti. Parleremo con Moratti della possibilità di ritirare la maglia numero 4. Ci stiamo pensando, ma è possibile". Thohir ha parlato anche della gara di stasera contro la Lazio. "La partita - ha aggiunto - è molto importante, bisogna fare più punti possibili da qui alla fine". Il presidente ha poi ribadito, come aveva fatto stamattina al suo arrivo a Milano, la volontà di "confermare Mazzarri per la prossima stagione".

Questo il quadro della 37ma giornata

Verona - Udinese 2-2
Inter - Lazio 4-1
Atalanta - Milan
Bologna - Catania
Cagliari - Chievo
Livorno - Fiorentina
Sassuolo - Genoa
Torino - Parma
Sampdoria - Napoli
Roma - Juventus

Classifica marcatori del campionato di calcio di Serie A, dopo gli anticipi della 37/a giornata:

- 21 reti: Immobile (Torino).

- 20 reti: Toni (6 rigori, Verona)

- 19 reti: Tevez (1-Juventus).

- 17 reti: Higuain (5-Napoli); Palacio (Inter).

- 16 reti: Berardi (6-Sassuolo);

- 15 reti: G. Rossi (5-Fiorentina);Llorente (Juventus); Paulinho (2-Livorno).

- 14 reti: Gilardino (4-Genoa); Balotelli (3-Milan); Di Natale (4-Udinese).

- 13 reti: Paloschi (3-Chievo); Callejon (Napoli); Destro (Roma); Cerci (4-Torino).

- 12 reti: Denis (1-Atalanta); Candreva (6-Lazio); Cassano (1-Parma). - 11 reti: Vidal (2-Juventus). - 10 reti: Cuadrado (Fiorentina); Eder (1-Sampdoria)

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA