Puglia

  • >>>ANSA/ Ilva:Emiliano avanti su ricorso;Mittal,rivedere accordi

>>>ANSA/ Ilva:Emiliano avanti su ricorso;Mittal,rivedere accordi

Governatore a Gentiloni cambi Dpcm. Azienda, noi i migliori

(di Vincenzo Chiumarulo) (ANSA) - BARI, 23 DIC - Il governatore pugliese, Michele Emiliano, tira dritto: ribadisce che non cederà a "ricatti" nè a "minacce", e che il ricorso contro il Piano ambientale sull'Ilva di Taranto non sarà ritirato. Proprio ieri ai ripetuti appelli si era unito anche il premier Paolo Gentiloni. Ma il governatore della Puglia oggi afferma che l'unica maniera per farlo "decadere" insieme alla sua "impugnazione", è che il presidente del Consiglio, "modifichi il Dpcm nel senso auspicato da Regione e Comune". Anche perché, evidenzia in mattinata, "l'azienda non minaccia di mollare" se il ricorso resta in piedi: "È un argomento - sostiene - che viene utilizzato stranamente da Calenda e i sindacati". Emiliano invoca poi la "terzietà" del premier e si dice disposto ad un confronto diretto per illustrare le sue ragioni. Il Mise ribatte che il Dpcm non si può modificare precisando che "un nuovo DPCM, oltre all'effetto di azzeramento della procedura di gara, comporterebbe anche la necessità ricominciare il procedimento dall'inizio". E poco prima si era appreso che Arcelor Mittal ha comunicato il 21 dicembre con una lettera ai commissari di Ilva di voler apportare modifiche al contratto di acquisto dell'azienda, proprio per mettersi al riparo da 'contestazioni legali' in Italia. La missiva è stata confermata da fonti del Mise che sottolineano come nel corso della riunione del tavolo istituzionale dedicato a Taranto fosse già stata anticipata la possibilità che l'investitore potesse assumere una simile iniziativa per scongiurare i rischi derivanti dal ricorso al Tar. Il Mise, fanno sapere, si terrà in contatto con i commissari per valutare il da farsi.
    Am Investco (controllata da ArcelorMittal), intanto in una lettera agli operai pubblicata a pagamento su alcuni quotidiani sostiene: "il Piano industriale, da 1,25 miliardi, è quanto di meglio si poteva immaginare"; e "il Piano ambientale, da 1,15 miliardi, prevede l'attivazione sicura e immediata di tutti i provvedimenti e gli interventi previsti dalla legge". Am Investco evidenzia anche che gli interventi di "risanamento ambientale" partiranno il giorno in cui gestirà Ilva, "con l'eccezione della copertura dei parchi minerali a Taranto e di altri interventi prioritari, secondo la nuova Autorizzazione ambientale, la cui attuazione sarà anticipata dalla gestione commissariale". Il governatore propone un canale diretto con l'azienda. "Siamo convinti che un incontro tra noi e Arcelor Mittal, assieme ovviamente al Comune di Taranto, possa garantire la produzione e la salute dei cittadini, meglio di tutte le chiacchiere che sono state fatte fino a oggi". Sempre sul fronte della salvaguardia ambientale, la Regione ha annunciato 146 nuove assunzioni all'Arpa di Taranto che si aggiungono alle 80 unità già al lavoro.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie