Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Università degli Studi di Macerata

Una delegazione dell’Università di Macerata in udienza da Papa Francesco

Lunedì 9 maggio l’incontro a Palazzo Apostolico. Il rettore Adornato: “Ruolo rilevante delle religioni per gli obiettivi di cooperazione e pace”. Nel pomeriggio la messa con il cardinale Mauro Gambetti e il vescovo Nazzareno Marconi.

Università degli Studi di Macerata

Una rappresentanza dell’Università di Macerata incontrerà Papa Francesco in Vaticano. L’udienza privata, che si svolgerà lunedì 9 maggio alle ore 12 nella sala Clementina del Palazzo Apostolico, è stata concessa in seguito alla richiesta dell’Ateneo. Una richiesta, resa ancora più significativa dalla ricorrenza del 470mo anniversario della nascita a Macerata di Padre Matteo Ricci, gesuita e precursore di quel dialogo interculturale, che Unimc sente come missione e principio ispiratore.

“L’Università – spiega il rettore FrancescoAdornato -, e in particolare le nostra, Umanistica da oltre sette secoli, è una comunità di studio, di ricerca e di vita che propone una cultura e un’educazione al cui centro risiede la persona. Com’è scritto nel documento congiunto della Conferenza episcopale italiana e della Conferenza dei Rettori delle Università italiane, l’Università è un ambiente favorevole per promuovere una cultura del dialogo, i cui requisiti sono il rispetto e l’uguaglianza. A partire dai loro valori positivi di amore, speranza e salvezza, le religioni rivestono un ruolo rilevante per gli obiettivi di cooperazione e di pace. Per questo occorre riconoscere il loro contributo alla sfera pubblica, nel quadro di rispetto e collaborazione propri del principio di laicità”.

Lo stesso giorno, alle 15, all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro, il Cardinale Mauro Gambetti, vicario generale di Sua Santità per la Città del Vaticano, insieme al vescovo di Macerata Nazzareno Marconi celebrerà una Messa di ringraziamento animata dal coro dell’Ateneo diretto dal M° GianfrancoStortoni. Entrambi gli appuntamenti potranno essere seguiti il primo in differita, il secondo in diretta sul canale 89 EmmeTV.

Il gruppo che si recherà dal Papa sarà composto da circa 150 persone, limite indicato dalla Prefettura della Casa Pontificia: ne fanno parte delegati del Rettore, studenti e dottorandi, docenti e personale tecnico amministrativo e bibliotecario messi insieme con il criterio della rappresentanza “istituzionale” di tutte le articolazioni dell’Ateneo (organi, strutture, uffici). Ci sarà anche una studentessa ucraina che consegnerà al Papa la borraccia UniMC.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Università degli Studi di Macerata

Modifica consenso Cookie