Rovista tra rifiuti, indagato a Rimini

Fotografato e segnalato a Polizia Municipale da cittadina

   (ANSA) - RIMINI, 10 SET - Indagato, con l'accusa di furto - e le aggravanti di violenza sulle cose ed esposizione alla pubblica fede - per avere rovistato nei cassonetti della spazzatura nella zona di via Darwin a Rimini. Ad essere raggiunto dalla misura - scrivono i quotidiani locali - un cittadino riminese sulla cinquantina in gravi difficoltà economiche e con disagio psichico le cui gesta erano state segnalate alla Polizia Municipale, nelle scorse settimane, da una residente del quartiere. La donna si era accorta che l'uomo si aggirava attorno all'immondizia e aveva puntellato con un bastone il bidone della raccolta differenziata sotto casa al fine di rovistare tra oggetti abbandonati, rotti e inutilizzati. Per questo lo aveva fotografato e si era recata alla Municipale. I Vigili, chiesto informazioni in merito a Hera - che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti - hanno potuto appurare come la vicenda possa configurare il reato di furto malgrado si trattasse di oggetti di scarto e materiale buttato via.

   Sui fatti è intervenuto, con una nota, l'assessore comunale riminese alla Polizia Municipale Jamil Sadegholvad secondo cui "non c'è nessun povero o clochard denunciato perché frugava nell'immondizia ma un'ipotesi di reato, che ora toccherà alla Procura approfondire, nei confronti di un riminese ufficialmente residente e domiciliato, che accumula oggetti". Quindi, ha puntualizzato,  "va detto,  innanzitutto, che l'invio in Procura di un esposto/denuncia firmato da un residente di via Darwin per danneggiamento di cassonetti non è nei confronti di un clochard o un senza dimora o una persona senza domicilio ma di un residente ufficiale e a tutti gli effetti nella nostra città. E non è un particolare da poco visto che proprio tale elemento ha contribuito probabilmente a 'enfatizzare' i termini della notizia" rilanciata dalla stampa locale. Secondo l'assessore riminese, ancora, "lo scorso 20 agosto gli uffici della Polizia Municipale hanno ricevuto il suddetto esposto/denuncia, corredato da fotografie, e subito dopo gli stessi uffici hanno inviato un quesito a Hera in relazione a eventuali episodi di contenitori rifiuti danneggiati in quella via" e per "avere chiarimenti giuridici sulla proprietà degli oggetti asportati dal cassonetto. In data 28 agosto arrivavano via mail le delucidazioni dell'azienda multiservizi: erano stati registrati in quella strada, nelle settimane precedenti, danneggiamenti dei contenitori, tecnicamente si trattava di furto". Quindi, ha conlcuso, la "Polizia Municipale, dopo aver identificato l'uomo, regolarmente domiciliato in quella zona, ha inviato l'esposto/denuncia in Procura per le valutazioni del caso in ordine all'ipotesi di reato di furto".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna



Modifica consenso Cookie