• Coronavirus, Milano lancia il piano per la ripartenza: zone 30 km/h e più spazi per i tavolini dei bar

Coronavirus, Milano lancia il piano per la ripartenza: zone 30 km/h e più spazi per i tavolini dei bar

Fontana: 'Limitare vita over 60 inaccettabile'

Si chiama 'Milano 2020. Strategia di adattamento' il piano lanciato dal Comune di Milano, aperto ai contributi dei cittadini, per gestire la ripartenza. Il documento è stato presentato da alcuni assessori in una conferenza stampa in streaming. Il piano punta in generale su una riorganizzazione dei tempi e degli spazi della città: dalla ridefinizione dell'uso delle strade e degli spazi pubblici, all'aumento degli spostamenti con la bicicletta e a piedi, alla riscoperta della dimensione di quartiere per vivere la città in modo diverso, senza il pericolo di creare assembramenti.

Limite di velocità a 30 all'ora introdotto in modo diffuso in città e spazi per tavolini anche in sostituzione dei posti auto o al margine della carreggiata. E' una delle azioni immediate per gestire la fase della ripartenza che il Comune di Milano ha lanciato nel documento Milano 2020, a cui potranno contribuire con idee e suggerimenti anche i cittadini. L'obiettivo è valorizzare lo spazio pubblico per consentire a bar e ristoranti di poterlo sfruttare al meglio, con le dovute norme di distanza.

"Sono convinto che si deve ripartire ma non liberi tutti e ognuno ricomincia a fare quello che vuole". Lo ha detto il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, in collegamento a Mattino Cinque. La ripartenza, ha ribadito Fontana, dovrà avvenire "gradualmente, cercando di rispettare le precauzioni dettate e ripetute in questi giorni" per "ripartire garantendo la sicurezza sui trasporti, garantendo le attività produttive e commerciali e poco per volta per evitare che si crei troppa confusione e capendo che i nostri stili di vita cambieranno, per un certo periodo finché non avremo una cura sicura" e "dovremo imparare a conviverci", ha aggiunto.

"Arrivare a limitare la vita dell'ultrasessantenne mi sembra inaccettabile", ha proseguito Fontana parlando della fase 2. "Percorsi differenziati sì" ha aggiunto, "ma limitare la vita e la libertà in base alle fasce d'età la vedo molto più discutibile anche dal punto di vista costituzionale e delle libertà che la Costituzione sancisce". "Bisognerà prevedere maggiori attenzioni e fare in modo che le attività che comportano un rischio maggiore non vengano compiute da chi ha più possibilità di essere colpito dal virus, prevedere controlli maggiori anche dal punto di vista sanitario delle possibilità di essere sottoposti più spesso a valutazioni, questo sì - ha concluso -, ma arrivare a limitare la vita dell' ultrasessantenne mi sembra inaccettabile".

Il Veneto anticipa, con nuova nuova ordinanza firmata oggi dal governatore Luca Zaia, alcune deroghe alle restrizioni nel commercio: viene dato il via libera nella regione alla vendita del cibo per asporto nei take away, pasticcerie e gelaterie - finora era possibile solo la consegna a domicilio - mantenendo il divieto di consumo all'interno dei locali dell'esercizio. Negozianti e clienti dovranno avere mascherine e guanti, e rispettare il distanziamento di un metro. Altro allentamento riguarda le aperture di librerie, cartolerie e negozi di abbigliamento per bambini, per i quali non vale più il limite dei due giorni a settimana. "Abbiamo raschiato il barile - ha detto Zaia - togliendo tutto ciò che si poteva per quanto è consentito dalla legge. Ma sia chiaro, non è il libera tutti".

"Vogliamo che possano riaprire in totale sicurezza non solo le imprese ma tutto il tessuto economico, dall'edilizia alla nautica fino ad arrivare alla ristorazione, almeno da asporto". E' l'obiettivo indicato dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in vista dell'inizio della 'fase 2' dell'epidemia di coronavirus a partire da lunedì 27 aprile. "Più libertà anche per chi continuerà a stare a casa: via alla corsa e alla bicicletta, alle attività ludiche come la pesca, alle passeggiate all'aria aperta, per dare un po' di sollievo anche ai nostri bimbi - continua -. Questa è la via ligure per la fase 2: sicurezza e qualità della vita al primo posto, cominciamo a ripartire e lavoriamo per vincere la crisi oltre al virus".

Verso cabina regia domani su fase 2, scelte attese a giorni - Sono attese nei prossimi giorni le decisioni del governo sull'avvio della 'fase 2', con le nuove regole per la "convivenza" con il Coronavirus. La cabina di regia con gli enti locali, per un nuovo confronto sulle ripartenze, potrebbe tenersi domani, anche se un incontro non è ancora fissato e non è escluso che slitti. E' invece difficile, secondo fonti di governo, che le nuove linee guida nazionali vengano annunciate già oggi. L'idea del governo, come anticipato dal premier Giuseppe Conte, sarebbe quella di fornire un quadro entro il weekend ma il lavoro è ancora in corso e non ne sono definiti i tempi. In giornata dovrebbe tenersi anche una riunione della task force guidata da Roberto Colao per proseguire il lavoro di approfondimento sui diversi aspetti della ripartenza.

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie