Fondi Lega: Pm, 'operazione ideata dai commercialisti'

Luca Sostegni intervenne nella compravendita di un capannone

La Guardia di Finanza di Milano ha fermato, mentre stava scappando in Brasile, Luca Sostegni, intervenuto in una presunta compravendita 'gonfiata' di un capannone industriale a Cormano (Milano), che venne venduto alla fondazione Lombardia Film Commission. Sostegni, liquidatore di una società, è accusato di peculato su fondi della Regione Lombardia ed estorsione nell'inchiesta che vede indagati anche tre commercialisti e nella quale si stanno facendo verifiche sui fondi della Lega.

Michele Scillieri, commercialista con lo studio a Milano dove a fine 2107 è stato registrato e domiciliato il movimento "Lega per Salvini premier" avrebbe architettato l'operazione con al centro la vendita ritenuta 'gonfiata' del capannone a Lombardia Film Commission e che ha portato al fermo di Sostegni. Come risulta dagli atti, il commercialista è indagato con altri due ideatori dell'operazione, Alberto Di Rubba, ex presidente della Fondazione ed ex revisore dei conti del gruppo alla Camera e Andrea Manzoni, altro professionista di fiducia.

Del fermo di Sostegni, nell'inchiesta coordinata dall'aggiunto Eugenio Fusco, ha dato conto il procuratore Francesco Greco con una nota nella quale spiega che i reati contestati a Luca Sostegni sono "legati alla vendita di un capannone industriale ubicato nel comune di Cormano, intervenuta tra l'Immobiliare Andromeda e la fondazione Lombardia Film Commission". L'indagato è stato fermato perché "era in fuga verso il Brasile". La Lombardia Film Commission, come si legge sul sito, è una "fondazione no profit i cui soci sono la Regione Lombardia e il Comune di Milano" ed ha lo scopo di promuovere sul territorio la produzione di film, fiction e altro per diffondere l'immagine della Regione. Da quanto si è saputo, Sostegni era liquidatore della società Paloschi srl, che avrebbe venduto l'immobile ad Andromeda che a sua volta l'ha venduto alla Lombardia Film Commission. Il prezzo di vendita, però, secondo le indagini, sarebbe stato gonfiato fino ad 800mila euro, mentre il valore era di 400mila euro. Per l'acquisto del capannone sono stati usati fondi pubblici. A Sostegni viene contestata anche l'estorsione perché avrebbe chiesto soldi ad altre persone in cambio del suo silenzio su questa vicenda.

Del caso dell'operazione immobiliare, avvenuta quando alla guida della Regione c'era Roberto Maroni, aveva parlato in alcuni articoli 'l'Espresso'. Il settimanale faceva riferimento a soldi che alla fine venivano "incassati da società molto vicine" al tesoriere della Lega Giulio Centemero e ai commercialisti bergamaschi Alberto Di Rubba (ex presidente del Cda della Lombardia Film Commission) e Andrea Manzoni, già coinvolti nelle indagini sui fondi della Lega. La Procura di Milano sta indagando su tutti questi aspetti e, da quanto si è saputo, nell'inchiesta sono indagati Manzoni, Di Rubba e un altro commercialista, Michele Scillieri

L'intricata vicenda, che si snoda dal 2016 al 2018, vede Fondazione Lombardia Film Commission usare 800 mila euro del milione di contributi ricevuti dalla Regione per acquistare dall'immobiliare Andromeda il capannone nel milanese che la stessa società immobiliare aveva comprato a metà prezzo da Paloschi srl, di cui Sostegni, era liquidatore. Inoltre la titolare di Paloschi era cliente del commercialista Scillieri. Quest'ultimo, molto vicino al Carroccio di Salvini, era amministratore della "Futuro partecipazioni", controllata da Fidirev S.r.l. fiduciaria proprietaria di Andromeda srl. Secondo l'ipotesi prospettata, tutte queste società sono fra di loro legate e hanno partecipato all'operazione immobiliare.

Le Fiamme Gialle stanno cercando di ricostruire i flussi finanziari legati alla compravendita per capire chi siano i reali beneficiari degli 800 mila euro. Sostegni risponde anche di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte in quanto, a causa dei debiti con il fisco della Paloschi, anziché far confluire l'intero importo ricavato dall'operazione di compravendita con Andromeda nella casse della società in liquidazione, avrebbe distratto, secondo gli accertamenti, almeno 260 mila euro su un conto intestato alla stessa Fidirev.

Quanto al reato di estorsione di cui risponde sempre Sostegni, avrebbe chiesto denaro a Di Rubba, Scillieri e Manzoni in cambio del suo silenzio: 20 mila euro su 50 mila che, a suo dire, aveva pattuito. Le persone coinvolte a vario titolo nell'inchiesta del Pm Stefano Civardi e dell'aggiunto Eugenio Fusco, sono gli stessi dell'inchiesta di Genova sui 49 milioni della Lega spariti.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie