Lombardia

Legale Chiara Danese, sentenza non cancella festini

Avvocato, formula indica che il fatto c'è stato

(ANSA) - MILANO, 19 LUG - L'assoluzione di Silvio Berlusconi dall'accusa di prostituzione minorile con la formula "perchè il fatto non costituisce reato non vuol dire che ad Arcore non ci fossero le serate hard". Lo sostiene Stefano Castrale, legale di Chiara Danese, una delle ragazze ritenute testi chiave dell' accusa e che è tra le parti civili al processo 'Ruby bis'. "La formula assolutoria usata - aggiunge - significa che il fatto c'è stato anche se non era consapevole della sua minore età".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano



Modifica consenso Cookie