Nuovi guai per il prete-pugile

Già condannato per lesioni e minacce avrebbe mentito su reddito

Nuovi guai giudiziari per don Massimiliano Pusceddu, l'ex parroco di Vallermosa, nel sud Sardegna, già condannato a un anno e mezzo per lesioni, minacce e porto abusivo di pistola. Durante il processo di primo grado il sacerdote avrebbe chiesto il patrocinio a carico dello Stato dichiarando un reddito inferiore rispetto ai circa 11mila euro previsti per legge. Un accertamento fiscale avrebbe poi accertato che l'ex parroco di Vallermosa aveva ricevuto redditi per 12 mila euro e, da questo, è nata una nuova segnalazione alla Procura.

La nuova tegola giudiziaria per il prete-pugile (Pusceddu ha all'attivo diversi incontri da dilettante) è una richiesta di rinvio a giudizio formulata dal pm Danilo Tronci che verrà discussa il 22 maggio davanti alla Gup del Tribunale di Cagliari, Cristina Ornano.

Il sacerdote, difeso dall'avvocato Sandro Sassu, è certo di riuscire a chiarire l'errore e ha chiesto il rito abbreviato: sarà sentito il funzionario dell'Agenzia delle Entrate che ha eseguito l'accertamento.

Nel frattempo, assistito dal legale Ignazio Ballai, il sacerdote ha proposto ricorso in appello contro la condanna ad un anno e mezzo pronunciata lo scorso anno dal giudice Giampiero Sanna: secondo l'accusa avrebbe minacciato e picchiato un parrocchiano che aveva sposato perché la moglie aveva confidato al sacerdote delle presunte infedeltà. Nell'occasione don Massimiliano avrebbe portato con sé una pistola poi poggiata sul tavolo. L'episodio risale al 2014.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie