Università:grafologia entra tra materie accademie pontificie

Al via un corso al Seraphicum dei francescani conventuali

(ANSA) - CITTA DEL VATICANO, 23 SET - La grafologia entra nel panorama delle realtà accademiche pontificie con un corso triennale promosso dal Seraphicum, a Roma. Si tratta di una specializzazione sinora ospitata dalla Pontificia Facoltà Teologica "San Bonaventura" e che adesso entra a far parte stabile dell'offerta formativa della Facoltà retta dall'Ordine dei Frati Minori Conventuali. Una disciplina che ha un nesso molto stretto con il mondo francescano, dato che "padre della grafologia italiana - sottolinea il Seraphicum - è il marchigiano fra Girolamo Moretti (1879-1963), frate minore conventuale, per più di cinquant'anni dedito allo studio, alla ricerca e all'insegnamento di questa materia".
    "La grafologia - spiega fra Raffaele Di Muro, responsabile della Scuola - rappresenta una disciplina molto affascinante, una chiave di accesso per una approfondita conoscenza della persona sotto il profilo psicologico, proprio attraverso l'analisi della scrittura, permettendo così di migliorare la conoscenza di se stessi, di comprendere il comportamento umano e di arricchire le relazioni. Obiettivo della nostra Scuola è far acquisire agli studenti uno strumento professionale, tecnico e scientifico, utile nei diversi settori lavorativi come analisi grafologica di personalità, risorse umane, settore giudiziario, criminologico e medico, settore dell'età evolutiva, ambito pastorale e vocazionale". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie