• Papa Francesco a Firenze: "No ad una Chiesa ossessionata dal potere". E cita don Camillo

Papa Francesco a Firenze: "No ad una Chiesa ossessionata dal potere". E cita don Camillo

"Non dobbiamo essere ossessionati dal 'potere'", ha detto Bergoglio che ha anche ricordato la tragedia dei 7 morti cinesi in un rogo in un capannone due anni fa

La Toscana abbraccia Francesco. Il Papa è stato in visita a Prato e Firenze e ha celebrato la messa allo stadio Franchi di fronte a oltre 50mila persone. In mattinata è stato a Prato, dove ha ricordato la tragedia di due anni fa quando sette cinesi morirono in un rogo, e poi è andato a Firenze al convegno della Chiesa italiana. Nel discorso, fatto al V convegno della Chiesa italiana, nella quale ha sottolineato che la chiesa non deve essere "ossessionata dal potere", Bergoglio ha parlato della necessità di una chiesa umile e vicina alla gente, come quella di don Camillo. Accoglienza da star allo stadio Franchi. Sugli spalti anche la moglie del premier Matteo Renzi, Agnese, con i figli ("Nessun retroscena, sono qui come mamma", ha detto).

Una visita a Prato, la città 'più cinese' d'Italia

GUARDA IL VIDEO DA PRATO 

ECCO LA DIRETTA DEL VIAGGIO DEL PAPA IN TOSCANA

17.09 - Il papa è partito in elicottero da Firenze. Il velivolo è decollato dallo stadio 'Ridolfi' dove ad attenderlo c'erano le autorità e circa 5.000 fedeli che non erano riusciti ad entrare allo stadio 'Franchi' ma che hanno seguito la Messa attraverso un maxischermo e che hanno salutato il pontefice con il coro 'Francesco, Francesco'.

16.52 - "Prima di darvi la benedizione vorrei ringraziarvi di questa calorosa accoglienza, e anche di tutta la giornata, ringraziare il cardinale arcivescovo, i cardinali e vescovi della Conferenza episcopale italiana con il suo presidente, tutto quello che avete fatto oggi per me, la testimonianza, è un ringraziamento per ognuno di voi". "Ma specialmente - ha aggiunto - vorrei dire un grazie ai carcerati che hanno fatto questo altare dove Gesù oggi è venuto. E a tutti voi grazie tante e per favore vi chiedo di pregare per me". Il riferimento del Papa è stato all'altare dove è stata celebrata la messa, realizzato dai detenuti del carcere di Sollicciano.

15.24 -  Bianco, rosso e giallo: di questi colori è diventato lo stadio di Firenze, gremito di fedeli che sventolano fazzoletti con i colori del vaticano per salutare il Pontefice, arrivato al Franchi. Francesco, sulla Papamobile insieme al cardinale e arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori, ha compiuto il giro completo del prato per raggiungere il palco dove celebrerà la messa, salutando tutti. Il Papa celebra la messa per 50mila persone.

13.59 - Oltre 50 mila fedeli si sono già raccolti nello stadio Franchi di Firenze, che tra non molto accoglierà la messa celebrata da Papa Francesco. Il flusso di persone non si è mai interrotto dalla tarda mattinata. Dai fedeli è partito un grande coro con l'Ave Maria.

13:42 "Lei è la papessa, avete la papessa": così Papa Francesco alla mensa dei poveri della Caritas di Firenze appellando, con divertimento, la responsabile che stava redarguendo gli ospiti affinché si disponessero seduti nel refettorio per il pranzo con il pontefice. Poi c'è stato il pranzo preceduto da una preghiera. Papa Francesco, per pranzare con i poveri alla mensa della Caritas in piazza Santissima Annunziata a Firenze si è registrato come tutti, ricevendo quindi l'apposita tesserina.

13:29 - 
 Una lunga serie di applausi ha scandito i passaggi più emozionanti del discorso che il Papa ha tenuto stamani nel Duomo di Firenze davanti ai delegati Cei e a un folto pubblico di fedeli, in occasione del convegno della Chiesa italiana. Prima di uscire dalla cattedrale Bergoglio ha accolto e salutato alcune decine di persone che gli si erano avvicinate, stringendo le mani e dedicando ad ognuno un po' di ascolto e alcune parole. Ma soprattutto il Papa ha salutato e abbracciato molti bambini che il pubblico gli porgeva al suo passaggio. 


13:01 - Il Papa ha incontrato 33 infermi nella basilica della Santissima Annunziata. L'incontro, secondo quanto hanno riportato alcuni presenti, e' stato "molto commovente". Il pontefice si è intrattenuto con i malati, fra cui alcuni bambini, e si è fermato a pregare davanti all'immagine della Madonna lasciando davanti al dipinto una rosa bianca con due biglietti.

12:00 - Il Papa è arrivato in piazza Santissima Annunziata a Firenze ed è entrato nella basilica dove pregherà con un gruppo di malati. Tra loro anche il maresciallo Giuseppe Giangrande, il carabiniere rimasto gravemente ferito davanti a Palazzo Chigi il 28 aprile 2013.

11:23 - "Faccio appello soprattutto a voi, giovani", ha detto il Papa, "superate l'apatia. Che nessuno disprezzi la vostra giovinezza", "vi chiedo di essere costruttori dell'Italia, di mettervi al lavoro per una Italia migliore. Non guardate dal balcone la vita, ma impegnatevi, immergetevi nell'ampio dialogo sociale e politico. Le mani della vostra fede si alzino verso il cielo, ma lo facciano mentre edificano una città costruita su rapporti in cui l'amore di Dio è il fondamento. E così sarete liberi di accettare le sfide dell'oggi, di vivere i cambiamenti e le trasformazioni".

11:22 - "Mi piace una Chiesa italiana inquieta, sempre più vicina agli abbandonati, ai dimenticati, agli imperfetti. Desidero una Chiesa lieta col volto di mamma, che comprende, accompagna, accarezza. Sognate anche voi questa Chiesa, credete in essa, innovate con libertà". E' il mandato del Papa al V convegno della Chiesa italiana. "La Chiesa italiana - ha detto il Papa - ha grandi santi il cui esempio possono aiutarla a vivere la fede con umiltà, disinteresse e letizia, da Francesco d'Assisi a Filippo Neri. Ma pensiamo anche alla semplicità di personaggi inventati come don Camillo che fa coppia con Peppone".

10:57 - "La riforma della Chiesa poi - e la Chiesa è semper reformanda - è aliena dal pelagianesimo. Essa non si esaurisce nell'ennesimo piano per cambiare le strutture. Significa invece innestarsi e radicarsi in Cristo lasciandosi condurre dallo Spirito. Allora tutto sarà possibile con genio e creatività". 

10:52 - "Non dobbiamo essere ossessionati dal 'potere'
, anche quando questo prende il volto di un potere utile e funzionale all'immagine sociale della Chiesa. Se la Chiesa non assume i sentimenti di Gesù, si disorienta, perde il senso". 



10:46 - "Nostro dovere è lavorare per rendere questo mondo un posto migliore e lottare. La nostra fede è rivoluzionaria per un impulso che viene dallo Spirito Santo. Dobbiamo seguire questo impulso per uscire da noi stessi, per essere uomini secondo il Vangelo di Gesù. Qualsiasi vita si decide sulla capacità di donarsi". Lo dice il Papa a Chiesa Italia.

10:06 - Papa Francesco è arrivato in piazza Duomo a Firenze accolto dagli applausi della folla che lo ha atteso lungo il percorso nel centro storico. La papamobile si è fermata a fianco del Battistero accolta dal suono delle 'chiarine' di Palazzo Vecchio. L'arcivescovo di Firenze cardinale Giuseppe Betori ha accompagnato il papa all'interno del Battistero dove Francesco si è soffermato davanti alla 'Crocifissione bianca', il dipinto di Chagall esposto per l'occasione.

9:45 - L'elicottero di Papa Francesco è atterrato allo stadio Ridolfi di Firenze. Il Santo Padre si trasferirà in piazza San Marco per raggiungere il Duomo a bordo della papamobile.

9:05
- Una folla di persone si è già radunata in piazza del Duomo a Firenze in attesa di papa Francesco. Nel resto della città fino dall'alba si respira un'aria di altri tempi: niente auto e motorini, pochissime biciclette, solo quale mezzo delle forze dell'ordine, molti invece coloro che si sono recati al lavoro a piedi. 

Ecco un miracolo del Papa a Firenze

Posted by Leonardo Pieraccioni Pagina Ufficiale on Martedì 10 novembre 2015


Il papa a Prato, la visita in diretta GUARDA

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Rudi Baldi - Beagle di Torrimpietra

Da Fonteposca a Beagle di Torrimpietra: Rudi Baldi è una certezza nel panorama cinofilo internazionale

«Qualità e quantità non vanno di pari passo quando si parla di beagle: meglio averne pochi, ma di eccellenza - spiega l'allevatore toscano - un'attività del genere va fatta solo per passione»



Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere