Cavo reciso scatena incendio sule alture di Genova

A Cogoleto. Bruciati almeno 100 ettari di verde, 47 sfollati

E' stato con tutta probabilità un cavo elettrico tranciato nella caduta di un traliccio a innescare un grande incendio del piccolo comune di Cogoleto, a ponente della città metropolitana di Genova sconvolto dal rogo che ha percorso a macchia di leopardo un'area di 100 ettari. 47 le persone sfollate, due case distrutte, chiusa l'A10 per ore, scuole chiuse, qualche intossicato lieve e tanto panico nella lunga notte che ha impegnato squadre dei vigili del fuoco da tutta la Liguria e da Pavia, Massa e Piacenza e, con le prime luci, due canadair e un elicottero.

Incendio Genova, origine da un cavo spezzato

Una cinquantina di famiglie è stata sfollata, le scuole sono state chiuse. Le fiamme lambiscono le carreggiate. L'autostrada A10 è stata riaperta in entrambe le direzioni, anche se solo su una corsia, ha annunciato il governatore della Liguria Giovanni Toti.

Un testimone, già sentito dai carabinieri della Forestale, avrebbe visto cadere ieri sera, prima del divampare delle fiamme a Cogoleto, un palo della luce, forse a causa del forte vento. Non è escluso quindi che l'incendio sia stato innescato dalla fiammata provocata dai cavi elettrici, ipotesi già resa nota dall'assessore all'ambiente Mai.

La procura ha sequestrato un cavo di un traliccio Enel in località salita Maxetti e che potrebbe essere stata la causa che ha innescato il rogo. Sono stati i carabinieri della Forestale a indicarlo come possibile causa, escludendo con certezza il gesto doloso. Secondo i primi rilievi, potrebbe essere stato un eccesso di tensione a innescare un corto circuito, ma non è esclusa la rottura accidentale. Il sostituto procuratore Fabrizio Givri ha aperto un fascicolo per incendio colposo a carico di ignoti.

 

Il rogo è alimentato dal forte vento che ha raggiunto anche i 100 km orari.  

"Bisogna pensare a pene assai severe per chi con le sue azioni mette a rischio la nostra natura, le nostre proprietà e soprattutto le vite umane". Lo ha detto il governatore della Liguria Giovanni Toti. "Spero che il rogo non sia stato doloso, ma temo che lo sia", ha detto Toti comunicando che gli sfollati stanno rientrando nelle loro abitazioni.

"Si parla di 12 ettari di terreno andati in fumo - ha detto Toti - La stima dei danni temo non sarà leggera".

Le oltre 45 persone sfollate sono "quasi tutte rientrate nelle loro case a parte qualche persona che ancora si trova in ospedale per lievi problemi respiratori e stati d'ansia. Due nuclei familiari, per un totale di quattro persone, sono ospitate in albergo perché hanno avuto la casa profondamente danneggiata", ha aggiunto il governatore ligure.

Incendio a Genova: sfollati, A10 e scuole chiuse

"E' stata una notte durissima. Per fortuna adesso stanno intervenendo i mezzi aerei e la situazione è meno grave", ha detto il vicesindaco di Cogoleto Marina Costa. "Il rogo è partito dalla parte alta ed è arrivato fino al mare. Ci sono più focolai".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere