• >ANSA-IL-PUNTO/Covid:Veneto arancione ma preoccupa mortalità

>ANSA-IL-PUNTO/Covid:Veneto arancione ma preoccupa mortalità

Dati in calo da 15 giorni, Zaia 'su scuola valuteremo scenario'

(ANSA) - VENEZIA, 15 GEN - Il Veneto resta in zona arancione ma la pandemia non arretra, almeno nel numero delle vittime. Se, infatti, con la diminuzione dei casi più gravi di Covid nelle ultime settimane la regione dispone ora di 100 posti (realmente attivati) nelle terapie intensive, resta preoccupante la cifra che riguarda le vittime. "L'alta mortalità la condividiamo con altre regioni, penso alla Lombardia, la Liguria, il Piemonte, l'Emilia Romagna - sottolinea il Presidente Luca Zaia, affiancato oggi dal professor Giorgio Palù, Presidente dell'Aifa- ma il target dei decessi non è un elemento di valutazione della qualità della sanità".
    Per Zaia "la direzione dei dati in calo è confermata a 15 giorni, ma è come chi vede l'ago della bilancia calare durante una dieta". Cita poi la situazione dei ricoveri da Covid-19 in regione, che segnano 2.809 nei reparti non critici (-60) e 349 (-2) nelle terapie intensive.
    Che il Veneto stia cercando di 'scavallare' la fase più dura lo conferma anche il presidente dell'Iss Silvio Brusaferro: "c'è una crescita in quasi tutte le regioni - rileva -ma in Veneto e nella Provincia autonoma di Trento c'è una decrescita, anche se in Veneto l'incidenza resta alta".
    Nel giorno che segna la protesta di diversi ristoratori per i 'paletti' severi imposti dal dpcm, si guarda con sempre maggior speranza all'obiettivo della vaccinazione di massa. "Credo che ci potrebbe volere un anno per vaccinare il 60-65% della popolazione - conferma Palù - organizzandoci potremmo arrivare a 150 mila vaccinazioni al giorno". Uomini da mettere in campo e approvvigionamento di vaccini sono le due scommesse con le quali si stanno facendo i conti. "C'è l'accordo con i farmacisti - spiega - ma soprattutto i medici di medicina generale dovrebbero intervenire, e se necessario gli specializzandi. I farmacisti sono importanti soprattutto per la diagnosi - chiarisce -. Il vero problema è l'approvvigionamento, l'altro le forniture, e il ministero è arrivato a 220 milioni di dosi. AstraZeneca può cambiare le cose. Se arrivano le dosi siamo in grado di organizzarci".
    Molto caute le parole di Zaia sulla ripresa in presenza delle lezioni scolastiche. "Le scuole superiori potrebbero riaprire alle lezioni in presenza il primo febbraio solo se non ci sono rischi - taglia corto -. Sennò si valuterà lo scenario epidemiologico". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie