Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. I dieci anni del Pd. Veltroni: 'Non abbiamo paura della parola sinistra'. Renzi: 'Sinistra irrilevante senza di noi'

I dieci anni del Pd. Veltroni: 'Non abbiamo paura della parola sinistra'. Renzi: 'Sinistra irrilevante senza di noi'

Gentiloni: impegno perché ius soli sia approvato in questa legislatura

Con l'inno dell'Ulivo, La Canzone Popolare di Fossati, prende il via all'Eliseo la festa per i 10 anni del Pd. Pesa in sala l'assenza di Romano Prodi e di big storici come Arturo Parisi e Francesco Rutelli ma nelle prime file siede Franco Marini, omaggiato come un padre nobile. Con la regia di Walter Veltroni, parleranno oltre al primo segretario dem il premier Paolo Gentiloni e Matteo Renzi. Presenti tanti ministri, da Franceschini a Lotti, da De Vincenti a Poletti e Fedeli, ma manca, a quanto si apprende, il leader della minoranza dem Andrea Orlando.

"Democratici nati" : #auguriPD in diretta dal Teatro Eliseo

Le celebrazione dei 10 anni dalle prime primarie con Walter Veltroni, Paolo Gentiloni e Matteo Renzi




"Se il Pd esiste il merito è di tanti militanti e volontari che ogni giorno - quando è facile e quando è difficile - lo rendono più forte con orgoglio e passione. Grazie a loro e buon compleanno a tutti #10anniPD". A scriverlo su Facebook è Matteo Orfini, presidente del Pd.

"Per #10anniPD con riconoscenza e nostalgia penso ai tanti entusiasti ed esigenti militanti, veri protagonisti della storia del Pd". Lo scrive su Twitter Enrico Letta.

Gli interventi al Teatro Eliseo a Roma per i 10 anni del partito - "Il Pd nacque con 10 anni di ritardo doveva essere il consolidamento dell'Ulivo, il governo Prodi del '96 fu il migliore della storia repubblica in primo luogo per l'autorevolezza di chi lo presiedeva: Romano Prodi. Ma l'esperienza finì uccisa da due mali storici della sinistra, il massimalismo e le divisioni". Così Walter Veltroni, primo segretario Pd, comincia il suo intervento. "Perchè non c'è", grida qualcuno dalla platea tra gli applausi per il fondatore dell'Ulivo. "Non abbiamo paura della parola sinistra, è un'idea del mondo e della giustizia, cambiata nel tempo come è dovere farlo, la sinistra ci ha messo troppo a capire che libertà e giustizia non sono separate. Sinistra è libertà, per me sinistra era quel ragazzo cinese con le buste della spesa e non il carro armato". "Vorrei che la legislatura si concludesse con l'approvazione dello ius soli. Paolo e Matteo fate ciò che è necessario". E' l'appello che Veltroni rivolge al premier Paolo Gentiloni e al segretario Pd Renzi.

"Teniamocelo stretto questo Pd perché non so come sarebbe sopravissuta una sinistra di governo e una sinistra in generale se non avesse assunto la forma del Pd. Il Pd c'è, lotta insieme a noi si potrebbe dire". Così il premier Paolo Gentiloni nel suo intervento all'Eliseo. "Dobbiamo essere grati ai diversi segretari, da Veltroni a Franceschini da Bersani a Epifani. Non sono stati anni facili, conosco le lacerazioni" ma bisogna guardare avanti, ha concluso.

Gentiloni ha anche confermato l'ìmpegno del governo per far approvare lo ius soli. "Spero che saremo orgogliosi di poter dire che il diritto dei bambini che frequentano le nostre scuole ma sono nati da genitori stranieri possono avere il diritto alla cittadinanza. Stiamo lavorando per approvare la legge entro questa legislatura", ha detto il presidente del consiglio. 

"Se non ci fosse stata l'intuizione del Pd oggi la sinistra in Italia sarebbe irrilevante come è totalmente irrilevante oggi in Spagna, Francia, Olanda, Germania e Inghilterra", ha detto Renzi nel suo intervento all'Eliseo.  "Il nostro avversario è il centro-destra - ha aggiunto -. Se passa come spero il Rosatellum abbiamo di fronte a noi un corpo a corpo in tutti i collegi con un centrodestra populista, che ci ha lasciato con lo spread e la più grande crisi economica del dopoguerra. O noi saremo nelle condizioni di capire che questa è la sfida o rischieremo di perdere non noi come Pd ma l'Italia". 


Fedeli: 'Auguri al partito necessario oggi come 10 anni fa'

Rosatellum e addii rovinano decennale - Decennale dal retrogusto un po' amaro per il partito democratico, che oggi festeggerà le dieci candeline in un clima di forte contrapposizione all'interno del centrosinistra. Matteo Renzi, dal palco del teatro Eliseo, dopo gli interventi di Walter Veltroni e Paolo Gentiloni, farà di tutto per rilanciare il ruolo di un partito che punta a fare da argine alle destre e al populismo.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA



Modifica consenso Cookie