Politica

Juncker presidente Commissione, 422 sì e 250 contrari

729 i voti, maggioranza richiesta era di 376

La plenaria del Parlamento europeo ha approvato la nomina di Jean Claude Juncker come presidente della Commissione europea con 422 voti a favore, 250 contrari. Lo ha comunicato il presidente Martin Schulz precisando che sono stati 729 i votanti. La maggioranza richiesta era di 376 sì.

"Il giorno che viviamo oggi si scrive in modo storico nel libro della storia della Ue". Così Martin Schulz nella conferenza stampa dopo il voto di fiducia che ha eletto Juncker presidente. Aggiunge definendo il processo di nomina un "passo storico per le democrazia europea".

"Rinunciamo al nazionalismo" perché in Europa "si vince e si perde tutti insieme": così Juncker nel suo discorso in plenaria invitando leader e parlamentari a "non dire 'sì' a Bruxelles e 'no' in altri luoghi". "Le energie rinnovabili sono la premessa per l'Europa del domani", ha detto ancora nel suo discorso davanti alla plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo.

Juncker ha spiegato che "il Patto di stabilità non lo modificheremo" perché "la stabilità è stata promessa con l'introduzione della moneta unica" e "io non violerò questa promessa" ma il vertice di giugno "ha constatato che ci sono margini di flessibilità che devono essere utilizzati: lo abbiamo fatto nel passato e lo faremo anche di più nel futuro".

"Creeremo un governo economico" della Ue che dovrà essere "rigorosa con le riforme strutturali" e si dovrà "riflettere a stimoli finanziari" per "accompagnarle" con la creazione di "una capacità di bilancio propria dell'Eurozona", ha aggiunto Juncker auspicando un "rappresentante unico" per l'Euro nelle istituzioni di Bretton Woods.

"Dobbiamo essere fieri di aver creato la moneta unica, che non divide l'Europa, ma la protegge, protegge l'Europa". Ha detto con grande forza Jean Claude Juncker in un passaggio del discorso in plenaria, accolto con un lungo applauso ma anche da voci di dissenso dagli euroscettici.

Il prossimo 'ministro degli esteri' Ue avrà uno o più delegati e "dovrà lavorare di concerto" con i responsabili "per il Commercio, lo Sviluppo e gli aiuti umanitari e la Politica di vicinato, svolgendo un ruolo più incisivo nel Collegio dei Commissari" è scritto nel documento programmatico di Jean Claude Juncker in cui si precisa che "intendo affidare agli altri Commissari responsabili delle relazioni esterne il compito di sostituire l'Alto rappresentante sia nel Collegio che a livello internazionale".

La "prima priorità" di Jean Claude Juncker è "rafforzare la competitività e stimolare gli investimenti" quindi "nei primi tre mesi" presenterà un "ambizioso pacchetto per lavoro, crescita e investimenti" che attraverso la Bei ed il bilancio europeo "mobilizzerà fino a 300 miliardi in tre anni". E' scritto nel discorso.

Nel documento sulle priorità politiche inviato stamani da Juncker ai parlamentari europei, si legge che gli "attuali negoziati" per l'allargamento della Ue "continueranno", in particolare per i Balcani occidentali "che hanno bisogno di una prospettiva europea", "ma non ci sarà alcun ulteriore allargamento nei prossimi cinque anni". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie