Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Ucraina, Draghi sente Zelensky: 'Pieno sostegno'. Kiev avanza ancora, 'torture nei villaggi liberati'

Ucraina, Draghi sente Zelensky: 'Pieno sostegno'. Kiev avanza ancora, 'torture nei villaggi liberati'

Mosca rimuove il comandante del distretto militare occidentale

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha avuto oggi una nuova conversazione telefonica con il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky. Il colloquio si è incentrato sugli ultimi positivi sviluppi della controffensiva ucraina e della situazione sul terreno, anche con riguardo alla sicurezza della centrale nucleare di Zaporizhzhia. Il Presidente Draghi ha confermato il continuo sostegno da parte del Governo italiano alle Autorità e alla popolazione ucraine in tutti gli ambiti.

"Ho avuto una conversazione con il premier italiano Mario Draghi" e l'ho "informato degli sviluppi al fronte. Ho sottolineato l'importanza della cooperazione con l'Italia in materia di difesa. Dovremmo intensificarla". Lo ha scritto Zelensky su Twitter dopo il colloquio con Draghi. "Abbiamo discusso della situazione alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. La garanzia della sua sicurezza è la smilitarizzazione e il ritorno sotto il controllo ucraino", ha aggiunto Zelensky. 

UNA  CAMERA DEGLI ORRORI

Una camera degli orrori a Balakliya, i corpi di quattro civili con segni di torture a Zaliznychne, grossolanamente sepolti e ritrovati solo grazie ai vicini, almeno mille vittime di bombe e stenti a Izyum, dove l'80% degli edifici risulta distrutto. Man mano che le forze ucraine riprendono il controllo della regione orientale di Kharkiv, dopo la fuga delle truppe russe, emergono le tracce di mesi di abusi e devastazioni. A denunciare il ritrovamento di una "camera delle torture" a Balakliya è stata Maryana Bezugla, deputata del partito Servitore del Popolo del presidente Volodymyr Zelensky, giunta sul posto al seguito dell'esercito.

Nelle sue foto diffuse su Facebook si vede un lugubre seminterrato dove sono stati abbandonati una sedia con un martello, nastro adesivo e guanti usati. In un'altra stanza, "tracce di sangue". Il timore è che sia solo la prima di tante nuove Bucha. A Zaliznychne, un altro villaggio "liberato" nell'oblast, la procura generale di Kiev ha reso noto il ritrovamento di tre cadaveri sepolti nei giardini delle loro case e un quarto vicino a una fabbrica di asfalto, tutti con segni di torture, che verranno ora sottoposti ad autopsia. 

Ucraina, liberata la citta' di Chkalovske (regione di Kharkiv)

Una scia di morte che l'esercito di Mosca continua a lasciarsi dietro anche dopo la ritirata. Nelle ultime ore, una raffica di bombardamenti ha colpito diverse regioni, dall'est al fronte sud di Kherson, con almeno altre 4 vittime civili nell'est. Ma l'obiettivo privilegiato di quella che per gli ucraini è una "vendetta vigliacca" sembra essere proprio Kharkiv, diventata il simbolo della disfatta russa. Dopo il raid sulla più grande centrale termoelettrica cittadina, che nella serata di domenica ha lasciato al buio decine di migliaia di persone, altri blackout si sono susseguiti per tutto il giorno.

Intanto, dopo essere avanzate fino a raggiungere alcuni valichi di frontiera con la Russia, le forze ucraine continuano la controffensiva nell'est, annunciando la riconquista di oltre 20 insediamenti in 24 ore. I russi hanno denunciato anche un raid nel loro territorio a Belgorod, con un morto e quattro feriti.

Dall'inizio delle controffensive in diverse regioni ucraine, in particolare quelle orientali, le forze di Kiev hanno ripreso ai russi quasi 6.000 chilometri quadrati di territorio, ha affermato in serata il viceministro della Difesa ucraina, Hanna Malyar, citata da Unian.

A sud, nella regione di Kherson, lo Stato maggiore ha intanto iniziato a confermare i primi successi strategici, con circa 500 chilometri quadrati di territorio ripresi. Sconfitte che hanno convinto Putin a cacciare il comandante del Distretto militare occidentale, Roman Berdnikov, nominato da appena un paio di settimane. Mosca spiega che al momento non è previsto l'invio di nuove unità. I rinforzi sono stati affidati agli irregolari del leader ceceno Ramzan Kadyrov, che ha annunciato il ritorno in campo delle sue temibili unità speciali d'élite e avvertito minaccioso di una "sorpresa" in vista per le forze nemiche. Nonostante le pesanti sconfitte sul campo, il Cremlino non fa però passi indietro e chiude a ogni ipotesi di negoziato, avvertendo che "l'operazione militare speciale" andrà avanti "fino al raggiungimento di tutti gli obiettivi".

L'ex presidente Dmitri Medvedev ha evocato come unica possibilità "la capitolazione totale del regime di Kiev alle condizioni della Russia". Dal canto suo Zelensky, forte del rovesciamento delle sorti sul campo, ha replicato che le trattative saranno possibili solo dopo la "completa liberazione dei territori ucraini occupati". Anche sulla crisi alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, dove si sono registrate nuove esplosioni, ufficialmente Mosca non lascia spiragli alla richiesta di ritiro delle truppe avanzata a Vladimir Putin da Emmanuel Macron. Ma il direttore generale dell'Aiea Rafael Grossi ha espresso fiducia sulle consultazioni avviate per la creazione di una zona di sicurezza. "Ho visto segnali che mostrano che" entrambe le parti "sono interessate a un accordo", ha detto, spiegando che in questa fase "cooperano con noi e fanno domande, molte domande".

Ucraina, le immagini di un attacco aereo russo nella regione di Kharkiv

Le forze speciali cecene del reggimento Akhmat "occupano tutte le postazioni strategiche nella regione di Zaporizhzhia": lo scrive su Telegram citato dai media russi il leader ceceno Ramzan Kadyrov, che torna a elogiare le abilità di combattimento dei suoi miliziani ricordando la battaglia di Mariupol. Secondo i media russi in questa regione, dove sorge la centrale nucleare più grande d'Europa, è prevista una offensiva su larga scala di Kiev.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA



Modifica consenso Cookie