Mondo

Usa: tegola pesante per Hillary Clinton, avrebbe favorito agenzia atomica russa

Secondo un'inchiesta del New York Times, avrebbe dato l'ok al Dipartimento di Stato in cambio di donazioni alla fondazione di famiglia

La grana è l'ennesima, ma se la rivelazione del New York Times dovesse trovare riscontro, la candidatura di Hillary Clinton alla Casa Bianca potrebbe rendersi impossibile

Secondo un'inchiesta del NYT, l'ex first lady, mentre era alla guida del Dipartimento di Stato, potrebbe aver favorito l'acquisizione da parte dell'agenzia atomica russa (Rosatom) della canadese Uranium One, la società che controllava - e controlla tutt'oggi - un quinto della produzione Usa di uranio. Avrebbe dato l'ok del Dipartimento di Stato in cambio di donazioni alla fondazione di famiglia.

Non meno pesante la valutazione del Washington Post: 'Ombre su corsa Hillary da discorsi milionari Bill'

L'ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton ha ricevuto almeno 26 milioni di dollari per discorsi e interventi, da societa' e organizzazioni che figurano anche tra i donatori per la Fondazione di famiglia. E la somma corrisponde a circa un quarto delle entrate complessive di Bill Clinton. Lo scrive il Washington Post sulla base dell'analisi di dati relative alla stessa Fondazione, sottolineando come l'attivita' benefica di quest'ultima sia strettamente collegata ai guadagni dei Clinton. E' un nuovo 'attacco' alle attivita' della ex 'prima famiglia' da quando Hillary Clinton ha annunciato la sua candidatura per la nomination democratica nella corsa per la Casa Bianca e rischia di gettare ancora una volta un'ombra sulla corsa della ex first lady. Queste ultime informazioni possono infatti costituire 'materiale prezioso' per gli oppositori di Hillary in tema di potenziale conflitto di interessi: Hillary ha cominciato a 'lavorare' per la Fondazione con discorsi retribuiti dopo solo la fine del suo mandato da segretario di Stato nel 2013, ma e' indubbio che dalle entrate del marito abbiano beneficiate entrambi.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie