Danni a condotte, 4 paesi senz'acqua

Autobotti in campo a Lodé, Oliena, Dorgali e frazioni di Budoni

Acqua torbida e condotte spazzate via dalla furia dell'acqua dopo le intense piogge del 28 novembre nel Nuorese, dove ad avere la peggio è stato il Comune di Bitti. E così sono rimaste senz'acqua Lodé, Oliena, Dorgali e alcune frazioni di Budoni. A Lodè un acquedotto è stato spazzato via dalla piena del fiume in località Su Corvu. Le squadre del gestore idrico regionale, Abbanoa, sono al lavoro per ricostruire la condotta e per fornire l'acqua agli abitanti del paese attraverso autobotti. E le autobotti sono state dislocate anche a Oliena e a Dorgali dove è stata sospesa l'erogazione idrica dopo che la piena del Cedrino ha inondato la sorgente di Su Gologone rendendo l'acqua torbida e non potabile. La situazione è in netto miglioramento e nei due paesi l'acqua potrebbe tornare in rete tra oggi e domani.

A secco sono rimaste anche alcune frazioni di Budoni a causa della piena della diga Maccheronis. Anche in questo caso a causa dell'eccessiva torbidità l'erogazione idrica è stata sospesa da Abbanoa ed è entrato in funzione il servizio autobotti fino alla soluzione del problema. Nel frattempo la situazione sta tornando alla normalità a Bitti, dove l'erogazione dell'acqua è stata ripristinata nella gran parte del paese. I tecnici di Abbanoa continuano a lavorare per le riparazioni di alcune condotte, mano mano che vengono liberate le strade dai detriti portati dalla furia del mare di fango che ha invaso il centro cittadino.
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030



    Modifica consenso Cookie