Uil, docenti scuola infanzia senza adeguate mascherine

Appello a Governo e Regione per lezioni in sicurezza

"Sprovvisti delle mascherine di protezione FFp2, esposti al contagio, il nostro lavoro è a rischio". La Uil Scuola Sardegna si fa portavoce degli insegnanti dell'Infanzia dell'Isola che chiedono di poter lavorare in sicurezza. "Il Miur - denunciano i docenti - non ci fornisce queste mascherine filtranti e ci mette a disposizione solo le chirurgiche, che proteggono gli altri dalle emissioni di droplet, ma non chi le indossa. Per cinque ore al giorno siamo a contatto con oltre venti alunni".

Ricordano poi che nella fascia di età 0-6 corporeità, socialità, relazione, esplorazione e movimento sono aspetti irrinunciabili per l'esperienza di vita e di crescita dei bambini. "Per questo motivo la ministra Azzolina sosteneva in diverse dichiarazioni pubbliche che, non essendo predisposto il distanziamento fisico nelle scuole dell'infanzia, per scongiurare l'esplosione di eventuali focolai di contagio sarebbe stato necessario dividere le sezioni in piccoli gruppi e assumere un maggior numero di docenti. Ma tutto - attaccano i docenti - si è risolto in un nulla di fatto: l'assetto didattico-organizzativo delle scuole dell'Infanzia non è cambiato.

Si continua a operare con gruppi di 20 /23 bambini negli stessi edifici scolastici, facendo i salti mortali per rispettare il protocollo sanitario anticovid-19. Lavorare in queste condizioni, in spazi chiusi e affollati, è difficile. Il minimo che si possa fare è metterci nelle condizioni di lavorare in sicurezza con i dispositivi giusti". Il segretario regionale della UIL Scuola, Giuseppe Corrias, chiede quindi che il Governo e la Regione intervengano prontamente per la tutela della salute degli insegnanti fornendo Dpi adeguati alla specificità della Scuola dell'Infanzia.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie