Scuola: nuovo positivo a Bitti, ritorno in classe slitta al 28

Preoccupa anche impennata casi a Orune, paese confinante

L'apertura delle scuole nel comune di Bitti è stata posticipata a lunedì 28 settembre. Lo ha deciso il sindaco Giuseppe Ciccolini in seguito alla positività al Covid 19 di una persona del paese. Non solo: a pesare sullo slittamento dell'anno scolastico è anche l'impennata di contagi registrata a Orune, comune che dista soltanto pochi chilometri.
    "A seguito di riscontrata positività di un nostro concittadino, ritenendo necessaria una attenta indagine epidemiologica, l'apertura delle scuole nel comune di Bitti, ad eccezione del Liceo Scientifico Michelangelo Pira, è rinviata a lunedì 28 settembre", scrive il primo cittadino su Facebbok.
    Ma sono giorni che il sindaco è in fibrillazione. "Visti i numeri di Orune, paese con cui per ovvie ragioni abbiamo rapporti quotidiani, si stava già valutando - precisa all'ANSA Ciccolini - se ritardare l'apertura delle scuole. Oggi è arrivata la notizia di un positivo tra i nostri concittadini e a quel punto non abbiamo avuto dubbi. Gli istituti, quindi, riapriranno tra una settimana, quando saranno arrivati i risultati dell'indagine epidemiologica delle persone entrate in contatto con il positivo. Meglio perdere qualche giorno di scuola, ma poter tornare in classe in sicurezza" , chiarisce.

   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie