Cisl, in Sardegna mancano banchi mascherine e docenti

Serra, "caos prof sostegno e dubbi su piani alternativi"

Molti dubbi sul ritorno a scuola. E una certezza: gli insegnanti di sostegno saranno meno di quelli che servono. È la denuncia della Cisl sarda a una settimana dalla prima campanella nell'Isola. "La nostra proposta di stabilizzazione selettiva per i precari di sostegno, e non solo per loro, e l'avvio di corsi di specializzazione mirati non ha trovato ascolto - spiega la segretaria generale di categoria Maria Luisa Serra - così oggi a fronte di migliaia di posti disponibili solo una piccolissima parte verrà coperta da docenti specializzati. Nemmeno gli insegnanti con almeno tre anni di servizio sul sostegno potranno garantire la copertura di tutti i posti".
    Ma ci sono altri punti interrogativi in attesa di risposta.
    Secondo la Cisl, rischiano di diminuire le classi con il tempo pieno. "La ricerca di locali per distanziamento e adeguamenti richiesti dalla pandemia ha ridotto gli spazi necessari per 40 ore di attività didattica. Quali ricadute sulla famiglia?", chiede la dirigente sindacale. E ancora. Dalla mensa ai lunch box per consumare i pasti in aula. "Questo comporterà - denuncia Serra - una ulteriore confusione nelle scuole e perdita di posti di lavoro per le ditte incaricate".
    E poi l'incubo ricaduta Covid. "Si è veramente pront , in caso di individuazione di focolai di coronavirus, ad attivare un sistema di didattica digitale integrata che non determini discriminazioni tra gli studenti?".

In molte scuole poi, segnala la Cisl, non ci sono banchi nè mascherine per tutti. "Serve un confronto serio - incalza la numero uno del settore istruzione - si è perso troppo tempo a parlare".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie